Notte di follia dopo la vittoria degli Europei: daspo urbano a due vandali 40enni

Venerdì 6 Agosto 2021 di Luigi Benelli
Notte di follia dopo la vittoria degli Europei: daspo urbano a due vandali 40enni

PESARO - Danneggiamenti durante la folle notte di festeggiamenti per la vittoria della nazionale di calcio agli Europei, due Daspo urbani per altrettante persone. E va detto che a danneggiare non sono stati dei giovanissimi ma due adulti. 

 

L’acquisizione

La Divisione Anticrimine della Questura di Pesaro ha emesso due provvedimenti di divieto di accesso ad aree urbane (Dacur) nei confronti di un 44enne originario di Napoli e di un 40enne 1981, nato a Cerignola, in provincia di Foggia, entrambi residenti a Pesaro, a seguito dei danneggiamenti aggravati in concorso consumati a cavallo della notte tra l’11 e il 12 luglio. Nell’occasione avevano distrutto un totem pubblicitario nella zona mare addirittura incitando i passanti a contribuire al danneggiamento. Tutto immortalato dai presenti con il telefonino e rimbalzato poi sui social. Un gioco da ragazzi per le forze dell’ordine acquisire le immagini e risalire ai responsabili. Per prima si era mossa la polizia locale facendo scattare le denunce. I due quarantenni avevano spaccato con pugni e calci il totem delle indicazioni alberghiere in viale Trieste angolo viale Fiume, nella zona di Ponente, ed erano stati ripresi intenti a rovesciare cestini della spazzatura. Ma la denuncia per danneggiamento e la richiesta di risarcimento danni non è l’unica conseguenza. Da qui la misura più restrittiva dei Daspo urbani. I provvedimenti di divieto di accesso hanno la durata di un anno per l’area urbana individuata nella zona di viale Trieste, da Ponente a Levante, precisamente dalla zona del porto a largo Beato Carlo Liviero e a tutti gli esercizi commerciali, ristoranti e bar presenti, nonché tutte le aree di parcheggio e strade di accesso relative. E’ stato inoltre convalidato dall’autorità giudiziaria per entrambi, l’obbligo di presentarsi alla Questura il venerdì, sabato e domenica, tra le 20 e le 21, per l’intera durata dei provvedimenti Dacur. 

Bagno nella fontana

Una notte di festeggiamenti sopra le righe perché ci sono stati anche decine di ragazzi che si sono gettati, violando la legge, nella fontana della Palla di Pomodoro. Anche in questo caso la polizia si è messa alla ricerca di immagini, ma non è stata possibile la loro identificazione. Tanta rabbia da parte degli albergatori che avevano protestato energicamente per gli schiamazzi e soprattutto per i vandalismi con sporcizia gettata a terra, vasi spaccati, insegne alberghiere divelte e gettate a terra. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA