A Pesaro lo shopping è stop & go, i vigili bloccano la folla e la signora testarda è multata

Domenica 20 Dicembre 2020 di Elisabetta Marsigli
La folla in centro a Pesaro per lo shopping

 Centro storico affollatissimo nell’ultimo weekend prenatalizio, ma contro gli assembramenti è stato sperimentato lo shopping stop & go, ovvero la possibilità da parte della polizia locale di fermare il flusso di folla quando il pigia-pigia dei passanti si avvicinava al livello di guardia. Un provvedimento quest’ultimo che ha debuttato ieri pomeriggio e che è stato affiancato per rafforzare il senso unico pedonale dalle 15 alle 20 stabilito dal Comune nei tratti principali del centro storico, ovvero via Rossini, via Branca e corso XI Settembre.

 

  Due soli stop temporanei (alle 18 lungo corso XI Settembre e alle 17,30 in via Branca) per un eccessivo flusso, ma nel complesso pedoni e forze dell’ordine in piena collaborazione, con il giusto equilibrio e buon senso. Lo conferma anche il comandante della polizia locale Francesca Muzzini che ieri ha personalmente vigilato sull’andamento: «Abbiamo avuto modo di sperimentare la possibilità di fermare il flusso di persone e ha funzionato benissimo: nel giro di 5 minuti abbiamo riaperto la circolazione. In realtà c’è da dire che a volte le file fuori dai negozi possono creare una falsa percezione, ma in generale le persone sono state molto disciplinate anche nello shopping con file distanziate e pazienti». Solo una multa (400 euro) è stata comminata alla fine del pomeriggio. «Non ho avuto il report finale - spiega la comandante Muzzini - al momento per oggi credo che sì, ci sia stata solo una multa, una signora che ostinatamente ha voluto percorrere via Branca in senso contrario». In piazza del Popolo qualche gruppetto di persone che si fermavano a parlare, ma non c’era una piazza piena. «L’unica criticità, - conclude Muzzini - è forse quella che si crea intorno ai bar, dalle 17 alle 18, per il rito dell’aperitivo ed è molto difficile contenere le persone anche per gli stessi gestori. Oggi proveremo ad individuare una pattuglia che controlli meglio anche questa situazione». Leggermente più critico il flusso (dal mare verso la piazza) in via Rossini, ma è anche vero che, rispetto a via Branca, è più difficile che si congestioni e ci sono meno negozi. In linea di massima il buon senso, sia delle forze dell’ordine che dei pedoni ha fatto sì che la situazione fosse sempre sotto controllo. A dispetto di una via Giordano Bruno deserta, via Zongo, e via Almerici, compresa piazza Olivieri e anche via Passeri, hanno ritrovato la vita: molte le persone lungo queste vie del centro e molto contenti i negozianti: «Via Almerici come via Branca, - scherza Stefania Lanari della libreria Le foglie d’oro - c’è tanta gente davvero e forse, per qualcuno, sono vie davvero alternative che magari non avrebbero mai percorso. Siamo soddisfatti e la chiusura del 24 non ci spaventa». Dello stesso parere il Ludicanto «Siamo davvero contenti, non ci possiamo lamentare: zona rossa il 24? Staremo un po’ di più con le nostre famiglie». I percorsi alternativi hanno colpito nel segno, proprio come auspicava il sindaco Ricci, e il senso unico è risultato vincente, tanto da essere copiato in diverse altre città italiane. Altra cosa da non sottovalutare è il divieto, sempre dalle 15 alle 20, nelle vie a senso unico, per la circolazione di biciclette, monopattini e acceleratori di andatura, cosa molto apprezzata dai pedoni. «Un Natale strano, ma tutto sommato sta andando bene. - commenta Silvana Ratti - Anche il fatto di non andare in vacanza ha forse permesso qualche regalo in più. Dobbiamo soffrire tutti ancora un poco, ma sono ottimista». Le disposizioni sul senso unico pedonale in centro storico proseguiranno, sempre solo nella fascia pomeridiana, dalle 15 alle 20, anche oggi e i successivi giorni feriali fino al 23 dicembre.

© RIPRODUZIONE RISERVATA