Il dipendente rubava parti di poltrone per il mercato nero

Sabato 24 Ottobre 2020
Il dipendente rubava parti di poltrone per il mercato nero

PESARO - Da giorni notava qualche ammanco in negozio, così ha riferito tutto ai carabinieri per cercare il responsabile. Ma anche il caso di una cassaforte trovata aperta abbandonata in spiaggia e un furto in un’auto officina. Ieri mattina la capitaneria di Porto assieme alla polizia locale ha rinvenuto lato ponente, all’altezza dell’ex Villa Marina, una cassaforte. Era stata lasciata in spiaggia aperta, non di grandi dimensioni. Sono quindi partite le indagini per capire a chi possa essere stata rubata e chi possano essere i responsabili del furto.

LEGGI ANCHE:

Allarme furti: due donne scippate in pochi minuti e ladri all'assalto di negozi e pizzerie

 

I carabinieri hanno invece denunciato un dipendente di Poltrone e Sofà per un furto consumato all’interno del negozio. Da giorni il titolare aveva notato delle mancanze, così insospettito, ha deciso di riferire tutto ai carabinieri della stazione di Pesaro per avviare un’indagine lampo. I sospetti sono convogliati su un uomo di 45 anni di Fano che è stato tenuto d’occhio finchè nei giorni scorsi è uscito dal negozio con le mani nella marmellata. Durante la perquisizione è stato infatti sorpreso con due parti meccaniche per poltrone elettriche. Probabilmente erano pezzi di discreto valore e rivendibile sul mercato nero dei prodotti di ricambio.

 

L’uomo è stato denunciato per furto. Altro furto nella notte tra giovedì e venerdì in una autofficina a Osteria Nuova. Qui è stato aperto il cancello e sono state portate via varie cose tra cui un furgone a 9 posti di buon valore, delle biciclette, un impianto di climatizzazione e una Bmw che era stata ricoverata nell’officina da un cliente. Si parla quindi di un furto ingente per svariate migliaia di euro. Da una prima indagine i carabinieri di Pesaro sono riusciti a ritrovare la Bmw che era già finita a Bologna. È stata localizzata grazie al Gps interno e nelle prossime ore verrà restituita al proprietario. I carabinieri stanno lavorando per risalire agli autori del furto, le indagini sono in corso e i primi elementi sono stati raccolti.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA