Il dipendente va al primo turno di lavoro e trova il supermercato svaligiato: avviate le indagini

Il dipendente va al primo turno di lavoro e trova il supermercato svaligiato: avviate le indagini
Il dipendente va al primo turno di lavoro e trova il supermercato svaligiato: avviate le indagini
2 Minuti di Lettura
Lunedì 28 Febbraio 2022, 06:50 - Ultimo aggiornamento: 16:00

PESARO - A scoprire il furto ai danni del supermercato è stato un dipendente che ieri mattina era atteso per il primo turno di lavoro, ad ora antelucana. L’allarme è scattato alle 5.45, a finire nel mirino dei ladri è stato il Conad di Montecchio di Vallefoglia, ubicato in via Giacometti nel centro commerciale Arcobaleno.

 

Il dipendente doveva prendere servizio prima delle sei e quando è arrivato sul posto si è reso immediatamente conto che qualcosa non andava. Lui avrebbe dovuto essere il primo ad arrivare ma qualcuno lo aveva preceduto e con intenzioni fraudolente. Il passaggio dei ladri era inequivocabilmente provato dalla portafinestra che il dipendente ha trovato forzata e da cui i malviventi hanno ricavato un facile ingresso per entrare all’interno del supermercato e agire indisturbati. Miravano ai soldi in contanti e non altro. Hanno tralasciato prodotti e magazzino per concentrarsi su dove reperire il denaro. Per questo hanno svaligiato il fondo cassa svuotandolo completamente: conteneva circa tremila euro in contanti, una discreta sommetta considerando anche i maggiori introiti del fine settimana.

Ma, non paghi, i ladri hanno setacciato altri locali del supermercato mettendo tutto a soqquadro tra cassetti rovesciati e arredi ribaltati. Alla fine, non trovando altro da rubare se ne sono andati lasciando tutto sottosopra e facendo perdere le proprie tracce. Il furto è avvenuto nella notte a cavallo tra sabato e domenica ma in un’ora non ancora definita. Al dipendente non è rimasto altro che dare l’allarme e chiamare i carabinieri che sono arrivati poco dopo sul posto per avviare le indagini volte all’identificazione dei responsabili anche attraverso l’acquisizione di telecamere di videosorveglianza o su eventuali segnalazioni di movimenti sospetti nella zona.

© RIPRODUZIONE RISERVATA