Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Scuole e agosto sicuri, 20mila tamponi Covid grazie ai volontari: «Ora la priorità è il ritorno in classe»

Scuole sicure e Agosto sicuro, 20mila tamponi Covid grazie ai volontari: «Ora la priorità è il ritorno in classe»
Scuole sicure e Agosto sicuro, 20mila tamponi Covid grazie ai volontari: «Ora la priorità è il ritorno in classe»
di Thomas Delbianco
4 Minuti di Lettura
Mercoledì 18 Agosto 2021, 03:05 - Ultimo aggiornamento: 15:14

PESARO - Scuole Sicure e Agosto Sicuro, quasi 20.000 tamponi il bilancio finale della doppia operazione che è stata portata avanti negli ultimi mesi con tamponi rapidi per chi vi si voleva sottoporre. E ora si riapre il fronte dei test per gli studenti al ritorno tra i banchi. La squadra è ormai rodata. Sotto la regia del Comune di Pesaro, in questo periodo hanno lavorato fianco a fianco i volontari dell’Ail, della Onlus Gulliver e della Protezione civile.

Marche, prof vaccinati all’87% ma studenti avanti piano. Ascesa lenta dei ricoveri, in terapia intensiva solo chi non è protetto

Li abbiamo visti per diversi mesi nelle palestre delle scuole medie e superiori pesaresi, e fino alla vigilia di Ferragosto sotto i portici del campus scolastico di via Nanterre. E’ la squadra degli screening con i tamponi rapidi, gratuiti e riservati agli studenti (e in alcuni casi anche ai genitori) nell’operazione Scuole Sicure, gratuiti e per tutti nell’operazione Agosto Sicuro per avere un Green pass temporaneo. «Abbiamo fatto quasi 20.000 tamponi, lo potremmo definire un record», dice soddisfatto il presidente di Ail Pesaro Massimo Sierra. «E’ una squadra di professionisti e persone in gamba, che svolge un ottimo servizio», gli fa eco il presidente di Onlus Gulliver Andrea Boccanera, il quale anticipa che «a settembre forse ritorneremo nelle scuole».

Evoluzione

Da questo punto di vista la situazione è ancora in evoluzione, considerando che la Regione Marche sta sperimentando i test salivari, ed è pronta ad acquistarli, come ha anticipato l’assessore Saltamartini a inizio agosto, proprio con l’intenzione di impiegarli nelle scuole, per un monitoraggio degli studenti (che non avranno obbligo del Green pass, a differenza di docenti e personale scolastico). Le due iniziative pesaresi con i tamponi rapidi avevano sì il faro comune della sicurezza sanitaria, ma con obiettivi diversi, caratterizzati dai luoghi e dai periodo nei quali sono stati effettuati. Da una parte, con Scuole Sicure, effettuare uno screening tra gli studenti per consentire lezioni il più possibile in presenza, prevenire i focolai, o individuarli laddove già diffusi, con la quarantena di studenti e contatti risultati positivi, dopo conferma del molecolare. A questo proposito, in primavera c’era stato un corto circuito poi risolto: nel giro di test di aprile, era emerso il caso dei falsi postivi tra gli studenti, 34 su 45 positivi totali, rilevati dal tampone rapido, e non confermati dal molecolare. Per alcuni giorni gli studenti e le loro famiglie erano rimaste in quarantena senza che ci fosse una reale situazione di contagio, questo aveva sollevato proteste. 

Ricapitolando

Da lì in poi il Comune aveva deciso di non affidarsi più all’Asur per i molecolari, ma di affidare il servizio ad un laboratorio privato per accorciare i tempi a non più di 24 ore tra il rapido e il molecolare. Nel complesso, 18.000 test effettuati negli istituti nel corso dell’anno scolastico. Poi l’operazione Agosto Sicuro, non più legata alla frequenza a scuola, visto il periodo di pausa, ma per la partecipazione, prima alla Notte delle Candele, poi per il Ferragosto. Tamponi che hanno consentito di ottenere un Green pass temporaneo, valido 48 ore, per coloro che non avevano almeno una dose di vaccino valida (dopo la prima dose dei vaccini che ne richiedono due, la certificazione è valida a partire dal 15esimo giorno fino alla dose di richiamo), oppure in assenza di un certificato di guarigione dal Covid, della durata di sei mesi. 

In aumento

Nel corso delle sedute, le postazioni sono state aumentate, da 2 a 4 per poi arrivare a cinque, potenziato anche il personale sanitario, dopo le lunghe code e malumori del primo giorno. A fine ciclo, in quattro giorni, 1660 tamponi effettuati, sette risultati positivi, da confermate al test molecolare. Si arriva così, tra scuole e test di agosto, a 19.660 tamponi. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA