Mamma, guarda quanto mi diverto: a Muraglia i primi 90 bimbi vaccinati

Sabato 18 Dicembre 2021 di Letizia Francesconi
Mamma, guarda quanto mi diverto: a Muraglia i primi 90 bimbi vaccinati

PESARO  - Animatori clown dal camice colorato, “dottori” speciali, per accogliere i primi bambini all’hub Marche Nord di Muraglia. E’ partita così la prima seduta aperta alla fascia 5-11 anni all’hub con 90 somministrazioni raggiunte a fine seduta, alle 16. Già alle 12.45, in anticipo sul calendario di inizio delle somministrazioni pediatriche, le prime mamme, una decina, che attendevano il proprio turno. Bambini, fra gli 8 e 11 anni, per niente timorosi nell’attesa del “picco”, merito certo delle mamme ma anche del sorriso dei clown in camice.

 

«Ehi, tu bimba, non avrai mica paura di noi dottori». Così il saluto degli animatori. Poi, alle 13.30 due medici della Pediatria Marche Nord, hanno iniziato con le prime somministrazioni e si proseguirà anche oggi. Il buon esempio parte proprio dai più piccoli, è il commento delle giovani mamme in attesa, e fra loro anche l’assessore  Heidi Morotti. 


Arriva intorno all’una mamma Annalisa di Pesaro con Cecilia, una bella bimba di 10 anni, che subito fa amicizia con i clown prima di essere chiamata per il “picco”. «Chi ha scelto di fare il vaccino? Eh, ho scelto io mamma» risponde Cecilia. Annalisa non ha avuto troppi appena si è aperta la possibilità per le vaccinazioni pediatriche: «Ne abbiamo parlato in casa e subito vista la prima data utile, non c’è stato nessun timore. In famiglia siamo tutti vaccinati già con la terza dose. Per di più Cecilia è una sportiva, pratica attività, e così ben venga anche il vaccino». A compilare i moduli, anche Heidi Morotti, in veste di mamma.

«Via via l’hub si sta riempiendo di bambini. Anche se hanno il volto semicoperto dalle mascherine, basta guardarli, silenziosi e attenti, forse in soggezione, come mio figlio, 10 anni. È pur sempre un ospedale ma poi tutto passa, arrivano le risate, i palloncini, lo sguardo rassicurante dei medici. Da mamma aspettavo questo momento. Speriamo così di stare tutti più tranquilli, anche sua sorella 12 anni, ha già completato le due dosi. Ho cercato comunque di tranquillizzare il più piccolo, che forse ha più paura e fastidio quando si fa un tampone al naso». Mentre attendono la chiamata dai pediatri-vaccinatori, le mamme si scambiano i commenti. Inutile dire che vertono sul rischio contagi, tra scuola e ambiente ricreativo-sportivo: «Alle elementari è pieno di bambini positivi, anche alle medie stanno aumentando le classi in quarantena».


C’è poi fra i genitori chi arriva anche da fuori città, da Fano e dall’hinterland come mamma Chirly, che da Orciano ha scelto la prima seduta a Muraglia: «Mio figlio ha 8 anni e subito abbiamo colto l’opportunità della prenotazione, ho altri tre figli e sono tutti vaccinati. In famiglia siamo tutti propensi per il vaccino e sto aspettando il periodo per la terza dose anche per i miei ragazzi adolescenti. Certamente va dato il buon esempio e spesso parte da noi genitori. Dovremo tutti essere responsabili per la salute dei nostri figli e quella altrui. Ho una cognata e la sua bimba più piccola di quattro anni risultata positiva, è stata davvero male. Ora è a casa, ma ha avuto una lunga convalescenza e dei problemi proprio per il Covid. So cosa significa stare male per Covid, e allora vacciniamoci tutti».

© RIPRODUZIONE RISERVATA