Pesaro, sfruttano gli "schiavi" dei volantini pubblicitari: sette denunciati. Multe per 730mila euro

Lunedì 17 Febbraio 2020
Pesaro, sfruttano gli "schiavi" dei volantini pubblicitari: sette denunciati. Multe per 730mila euro

PESARO - La vecchia bici Graziella per consegnare i volantini. Ma dietro si nascondeva un giro di sfruttamento del lavoro. I militari del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Pesaro e Urbino hanno denunciato sei persone per intermediazione illecita, il cosiddetto caporalato.

LEGGI ANCHE:
Fuga d'amore dalla comunità a San Valentino, minorenne ritrovata in stazione

Accoltellato alle spalle, trovato morto in campagna un uomo di 31 anni. E' giallo


Viene contestata una evasione contributiva di 400 mila euro, sono ben 70 i lavoratori in nero riscontrati oltre ad altri irregolarmente occupati. Per le irregolarità accertate multe per 730 mila euro circa. Sono questi i numeri dell’indagine dei carabinieri che hanno monitorato il fenomeno lavoro e sfruttamento nell’ambito della distribuzione del materiale pubblicitario su delega della Procura della Repubblica di Pesaro. Vittime dello sfruttamento pakistani, afgani, richiedenti protezione internazionale. I responsabili di queste società, come hanno dimostrato le indagini, avevano costituito 7 ditte individuali (o società) tutte riconducibili a cittadini pakistani.

lavoratori, privi di mezzi di sussistenza alternativi e costretti a vivere in condizioni igienico-sanitarie precarie, venivano reclutati e trasportati nella provincia di Pesaro, ma anche in quelle di Ancona e Rimini, mediante furgoni fatiscenti e insicuri. Tutti erano costretti a lavorare in condizioni indecorose e sotto continua sorveglianza. Erano «affidati» al controllo di un capo squadra, venivano monitorati tramite sistemi Gps, erano impiegati anche per più di 11/12 ore di lavoro al giorno (per cinque/sei giorni alla settimana), violando ripetutamente la normativa di in materia di orario di lavoro e riposo. Il tutto ricevendo una misera retribuzione di 30 euro al giorno, rigorosamente in nero

Ultimo aggiornamento: 16:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA