Pesaro, nuovo blitz al parco dello spaccio: trovati hashish e il kit per iniettarsi eroina

Domenica 26 Luglio 2020 di Luigi Benelli
Pesaro, nuovo blitz al parco dello spaccio: trovati hashish e il kit per iniettarsi eroina

PESARO - Siringhe e tutto il necessario per farsi di eroina. Nuovo blitz al parco Miralfiore e altri ritrovamenti di sostanze stupefacente. Oltre alle droghe leggere, i carabinieri hanno trovato anche un kit per potersi iniettare eroina. Tutto lasciato nel parco, come se fosse il luogo deputato per assumere sostanze per endovena. 

LEGGI ANCHE:
Si schianta con lo scooter contro il guardrail della superstrada: grave una 51enne

Il marito è fuori per ragioni di lavoro, donna si toglie la vita dentro la propria abitazione

Sono dunque proseguiti anche in questa settimana e senza sosta, nell’ambito delle direttive impartite dal Prefetto, le attività a carattere preventivo presso il Parco Miralfiore e le aree limitrofe da parte dei Carabinieri della Compagnia di Pesaro supportati da quelli della Compagnia di Intervento Operativo del 10° Reggimento “Campania”. Nei pressi di una siepe, ben nascosto, ma pronto per essere ritrovato e utilizzato un involucro contenente tutto il necessario per iniettarsi droga. C’erano 8 siringhe ed altrettanti aghi mai usati, cotone e soluzione liquida. Gli eroinomani usano bicarbonato per la miscela. Mancava il fornellino, ma il kit era praticamente al completo.
 
I militari hanno sequestrato e smaltito il tutto. L’eroina è una droga molto in voga come dimostra anche l’ultimo arresto del tunisino preso con 40 dosi mentre scendeva dal treno dopo essersi rifornito in Romagna. Droga destinata ai consumatori che gravitano tra la stazione e il parco. 
Il fiuto
Durante i controlli è stato coinvolto anche “One”, il cane antidroga del Nucleo Cinofili di Pesaro. A poco sono valse le accortezze, a volte fantasiose, adottate dai diretti interessati per non far ritrovare le loro scorte di stupefacente. Prima ha ispezionato la zona poi è andato più a fondo; il suo fiuto gli ha fatto trovare due differenti “imboschi” di altrettanti involucri contenti ciascuno 20 grammi di marijuana. Dunque una quarantina di grammi pronta allo spaccio al minuto. I pusher preferiscono lasciarla nascosta in modo da non essere beccati con la sostanza addosso incappando in arresto o denunce. Il servizio dei carabinieri negli ultimi giorni ha permesso di controllare 111 mezzi e oltre 180 persone, alcune delle quali già note alle Forze di Polizia per problemi di spaccio. Uno dei mezzi controllati è stato trovato senza la dovuta copertura assicurativa ed è stato quindi sottoposto a sequestro amministrativo. Nel corso dell’attività, un venticinquenne che si trovava in città per trascorrere la serata di venerdì è stato sorpreso mentre fumava uno spinello e pertanto è stato segnalo al Prefetto della provincia di residenza per il possesso di stupefacenti per uso personale. 
Osservato speciale
Il parco Miralfiore resta sempre un osservato speciale, tanto che in settimana è stato firmato il patto per la sicurezza assieme al sottosegretario Matteo Mauri. Tra gli obiettivi c’è proprio quello di limitare la microcriminalità dopo i recenti casi anche di scippi ai danni di donne. L’area verrà presidiata di più. Al tempo stesso il Comune sta cercando di farlo vivere, anche con le iniziative legate a teatro e danza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA