Per il Bianchello del Metauro Doc arriva la svolta del bio con balzo di e-commerce e produzione

Tutti riuniti i produttori del Bianchello d Autore
Tutti riuniti i produttori del “Bianchello d’Autore”
di Elisabetta Marsigli
3 Minuti di Lettura
Martedì 1 Dicembre 2020, 08:10

PESARO -  Il Bianchello del Metauro Doc, profumo autentico delle Marche, si prepara alla svolta bio. È stata una scelta naturale, in una regione che è tra le prime in Italia per attività che si dedicano al biologico e in una provincia, quella di Pesaro e Urbino, nella top ten per numero assoluto di aziende agricole biologiche. 

LEGGI ANCHE:

Lotteria degli scontrini, si parte da domani: come fare per registrarsi e partecipare alle estrazioni

 
Nel 2019, la Doc marchigiana, ha celebrato i suoi primi 50 anni di Denominazione controllata e vanta una filiera virtuosa che opera con passione assecondando i ritmi della terra. Nove le cantine protagoniste, collocate nelle colline di Pesaro e Urbino che hanno dato vita al progetto “Bianchello d’Autore”, con il sostegno dell’Istituto Marchigiano di Tutela Vini. Una Doc di eccellenza, che nasce in un territorio caratterizzato da colline, allietate dalla brezza dell’Adriatico e protette, quando si risale verso l’interno in un percorso lungo 80km circondato da splendidi borghi, dalle sponde del Metauro. Le cantine di “Bianchello d’Autore” (Bruscia, Cignano, Claudio Morelli, Il Conventino di Monteciccardo, Di Sante, Fiorini, Mariotti Cesare, Terracruda, Fattoria Villa Ligi) producono quasi 40 diverse etichette delle tipologie previste dalla Doc: tradizionale, superiore, passito e spumante. 

Famiglie (giunte alla terza generazione) che seguono l’intero processo produttivo, dalla vendemmia alla promozione, nel rispetto di rigorose norme condivise, volte a mantenere la fertilità del terreno e l’equilibrio tra le componenti biologiche ed organiche. «Il percorso biologico – condividono i produttori – rappresenta una scelta etica che pone al centro la sostenibilità ambientale, la viticoltura di qualità e il rispetto del consumatore: principi cardine per affrontare le sfide del futuro. L’agricoltura bio offre anche margini di crescita e sviluppo su mercati esteri, dove il consumatore è attento e sensibile a prodotti puliti e di qualità». Guardare al futuro è fondamentale soprattutto in un’annata difficile, causa Covid, anche per i consumi del vino. Ma non per il Bianchello del Metauro Doc, che sta per chiudere il 2020 con un bel segno più sulla produzione di qualità. Al 14 ottobre si attestava infatti, su un totale di 1 milione di litri di vino contro gli 800 mila litri del 2019: segnando un incremento del 20% rispetto all’annata passata.

«Questi dati – concludono i produttori – significano che si sta lavorando nella direzione giusta in un periodo particolarmente difficile. Le cantine sono aperte e siamo pronti per la ripartenza, fiduciosi di lavorare di nuovo con clienti stranieri. Stiamo facendo investimenti strutturali sia nella logistica che in cantina attraverso l’e-commerce. Le aspettative, a fine vendemmia, sono state confermate: abbiamo ottenuto un ottimo vino con il quale auspichiamo di brindare insieme al Natale e al nuovo anno».

© RIPRODUZIONE RISERVATA