Pesaro, badante ubriaca sequestra
per due giorni coppia di anziani

Sabato 30 Marzo 2019 di Luigi Benelli
Pesaro, badante ubriaca sequestra per due giorni coppia di anziani

PESARO - Badante segrega in casa due anziani. Intorno alle 21,30 di giovedì alla centrale è arrivata la chiamata allarmata di un uomo di 49 anni che chiedeva un intervento nella casa dei suoi anziani genitori, pesaresi, di 77 e 73 anni. Secondo quanto ricostruito dai carabinieri, la badante, una Ucraina di 42 anni ha rinchiuso in casa i due coniugi anziani per due giorni interi. Si sarebbe scolata una bottiglia di whisky e impedito ai due di chiamare il figlio. L’anziano ci ha provato ma gli è stato requisito il cellulare, poi in un momento di distrazione hanno provato a uscire.
  
Ma la donna li ha riportati in casa e ha chiuso a chiave la porta. Per fortuna, i fumi dell’alcol, hanno reso poco vigile la badante e l’anziano ha chiamato il figlio. Durante la chiamata la donna si è accorta. Il figlio ha sentito un forte rumore e la linea è caduta. Sono stati momenti d’allarme in cui il 49enne si è precipitato in via Malpighi per soccorrere i genitori.
Alla porta si è presentata la badante che ha scaricato una serie di improperi e insulti razzisti al figlio della coppia. «Voi qui non entrate, è casa mia». Lui l’ha scansata ed è corso dai genitori. Tra l’altro la signora ha anche problemi di salute e il restare chiusa due giorni avrebbe potuto avere serie conseguenze. La badante ha scagliato un posacenere e un vaso in ceramica contro il figlio, non colpendolo per fortuna. L’uomo ha chiamato i carabinieri che sono immediatamente intervenuti per riportare la situazione alla calma. Dopo le dovute ricostruzioni la donna è stata arrestata, ancora in preda ai deliri dell’alcol, per sequestro di persona (doppio), violenza privata al figlio, violazione di domicilio, danneggiamenti in casa e denunciata per minacce. Ora è in carcere a Villa Fastiggi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA