Pesaro, aumentano i casi di meningite
virale: «Attenzione a zanzare e zecche»

Aumentano i casi
di meningite virale:
«Occhio a zanzare e zecche»
di Luigi Benelli
PESARO - Oltre venti casi di meningiti in questa estate. Un aumento rispetto agli altri anni. Si tratta di meningiti virali, causate da vettori come insetti (vedi zanzara tigre), non batteriche. Dunque sono le forme più lievi e non contagiose. Il dipartimento prevenzione dell’Asur Area Vasta 1 sta monitorando i casi e gli accessi alle strutture. Il dirigente Marco Monaldi traccia il quadro della situazione.

Febbre alta, nausea e dolori alla testa: un altro caso di meningite

«In queste settimane in Italia, nelle Marche e a Pesaro, stiamo registrando un aumento di meningiti con o senza concomitante quadro encefalitico, che hanno probabilmente tutte un comune denominatore, ovvero una probabilissima genesi virale. In estate non è un fenomeno strano, infatti l’aumentata presenza di vettori di arbovirus come zecche e zanzare, specie da maggio a settembre, rende ragione del fenomeno».

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Venerdì 23 Agosto 2019, 07:45 - Ultimo aggiornamento: 07:45