Cindy a piedi dalla Francia sulle orme di San Francesco con asinella e cagnolina ​per avere notizie sul bisnonno

La pellegrina arrivata a piedi a Fossombrone dalla Francia accolta dal sindaco Bonci e dai due sacerdoti di Borgo Sant'Antonio
La pellegrina arrivata a piedi a Fossombrone dalla Francia accolta dal sindaco Bonci e dai due sacerdoti di Borgo Sant'Antonio
di Roberto Giungi
2 Minuti di Lettura
Martedì 29 Giugno 2021, 09:41

FOSSOMBRONE - Ha voluto ripercorrere le strade di San Francesco. È arrivata a piedi in pellegrinaggio accompagnata dall’asinella Nenette e dalla cagnolina Mina, la 36enne francese Cindy Chabot, di professione orologiaia, proveniente da Besançon Comune francese di quasi 116mila abitanti, capoluogo del dipartimento del Doubs e fino al 2015 della regione della Franca Contea.

Ospite dei sacerdoti
Ospite della casa parrocchiale di Borgo Sant’Antonio è stata l’attrazione in particolare dei bambini per i suoi amici animali. Il sindaco Gabriele Bonci l’ha incontrata insieme ai due sacerdoti. Sorridente e serena ha chiesto informazioni sul suo bisnonno Raffaello Marini che in tempi lontani si era trasferito Oltralpe da Fossombrone. La cittadina metaurense, più o meno direttamente, vede riconfermata l’intesa con la Francia essendo gemellata con Entraigues che comunque si trova lontana da dove risiede Cindy Chabot che si è prefissata di raggiungere il porto di Ancona per proseguire il suo viaggio aldilà dell’Adriatico.

La ricerca di notizie sul bisnonno

«Ha fatto tappa a Fossombrone perché i suoi avi hanno origini forsempronesi, il suo bisnonno era un certo Raffaello Marini, faremo delle ricerche all’anagrafe, ma se qualcuno ha notizie di eventuali discendenti o parentele farebbe piacere alla ragazza averle» ha commentato il sindaco. 
Per organizzare il suo percorso sulle strade di San Francesco l’ospite francese si è avvalsa della collaborazione di una signora esperta del settore residente ad Assisi. Chissà che qualcuno non abbia a quest’ora riscoperto legami antichi con la Francia nel ricordo dei propri antenati visto che agli inizi del secondo scorso era stato consistente il flusso migratorio. 

Una sorpresa per tutti
L’arrivo della 36enne è stata una bella sorpresa per tutti. Ha destato non poca meraviglia il suo senso genuino di affrontare il viaggio spinta da un forte senso religioso ma anche alla riscoperta di un tragitto tutto da raccontare una volta che avrà fatto ritorno nella propria casa. Tanti auguri di buon viaggio a piedi, con i tuoi eccezionali amici cara Cindy all’insegna dell’amore per la natura.

© RIPRODUZIONE RISERVATA