Fano vibra di idee e riflessioni: Passaggi rianima la città il piacere di tornare a incontrarsi

Domenica 20 Giugno 2021 di Massimo Foghetti
Piazza Venti settembre gremita di pubblico per Passaggi Festival

FANO - Nel momento in cui la regione Marche sta per passare in zona bianca, Passaggi festival evidenzia sempre più la sua forza d’attrazione, rilanciando il suo primato tra tutti gli eventi estivi di iniziativa più partecipata, grazie a quel mix generato dall’interesse suscitato dall’esposizione di argomenti di grande attualità e la partecipazione di personaggi molto noti a livello nazionale.

 

Carnaroli sul decennale
Questo dimostra come la saggistica coinvolga ancora un grosso pubblico e determini un forte impulso alla lettura. Lo stesso presidente dell’associazione “Passaggi” Cesare Carnaroli, rilevando il repentino successo della manifestazione che nel 2022 compierà 10 anni, durante l’inaugurazione del festival ha chiesto alla Regione Marche un doveroso maggior sostegno economico in vista del decennale (questanno sono stati assegnati 30mila euro).

Altra mossa vincente è il coinvolgimento, grazie agli appuntamenti fissati in più luoghi, di gran parte della città, valorizzando sia esercizi privati che testimonianze monumentali di primario interesse. Si inizia, infatti, al mattino con gli appuntamenti al Bon Bon, dove Silvia Sinibaldi, giornalista del Corriere Adriatico ha intervistato Lucio Zanca, autore del libro “Welcome to the jungle” su come affrontare il mondo del lavoro e Marco Severini, storico dell’università di Macerata sul libro di Lidia Pupilli che riporta storie di donne italiane che hanno aperto nuove frontiere. Cosa non trascurabile: tutte le mattine al pubblico partecipante vengono offerti caffè e giornale.

Rassegna anche ai bagni Torrette
In contemporanea la rassegna di saggistica viene organizzata anche nei Bagni di Torrette. Il festival poi propone nel pomeriggio con inizio alle 17, laboratori didattici sull’economia circolare ai bambini tra i 4 e i 7 anni nei giardini Leopardi; alle 18 nella chiesa di San Francesco segue una rassegna di libri sul benessere, mentre alle 18.30 alla Memo si apre una nuova parentesi per bambini.

In seguito i luoghi del festival rimbalzano tra la sala da te dell’Uccellin bel verde, ancora la chiesa di San Francesco, piazza Venti Settembre, il Pincio dove si svolge una rassegna di graphic novel. In tutta la città, quindi, dal mare al centro storico, si respira l’aria del festival, come un segno di libertà, del piacere ritrovato di assaporare momenti di svago, di uscire da casa e partecipare a un evento collettivo; piacere che per lunghi mesi, la diffusione del Covid 19 ha soppresso.

Prenotazioni consigliate
Tutti gli eventi sono a ingresso gratuito, tuttavia la prenotazione sul sito www.passaggifestival.it è consigliata per avere un posto sicuro ed evitare assembramenti o code, oppure si può telefonare al numero 3332680554 . 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA