Le rane si prendono la rivincita: torna lo storico palio fra 7 contrade. Allestiti 3 diversi mercatini

Venerdì 22 Aprile 2022 di Eugenio Gulini
Un concorrente del Palio della rana

FERMIGNANO - Arriva la domenica in Albis e a Fermignano tornano le rane con la 56esima edizione del palio, rievocazione storica che ricorda l’autonomia del castello dal Ducato di Urbino, avvenuta nel 1607 grazie al Duca Francesco Maria II della Rovere.  Il momento più importante della rievocazione è la corsa più originale che ci sia della rana in carriola lungo un percorso di 170 metri.

 

L’umidità adatta
Tra l’altro, temperatura, umidità e piogge di questi giorni creano l’atmosfera giusta per le rane. Durante questa edizione non mancherà, come sempre, la possibilità delle passeggiate per i vicoli del paese, curiosando fra i mercatini del palio. Gli espositori mostreranno i loro prodotti nei pressi del centro commerciale Metauro, vicino alla piazza principale di Fermignano.

Per rispondere al meglio alla curiosità dei visitatori, saranno presenti ben tre tipologie di mercatini: dell’artigianato artistico, dell’antiquariato e dell’hobbistica.

Oggi e domani, le contrade della cittadina si preparano per far rivivere le emozioni di un tempo attraverso le rievocazioni in costume storico. All’interno della manifestazione infatti sono presenti svariati eventi (rievocazioni storiche, giochi medievali, sbandieratori e cene nelle taverne) per ricchi di festeggiamenti ed enogastronomia con specialità e piatti tipici del luogo.

Area dedicata ai camperisti
Dalle 19 di oggi è disponibile un’intera area dedicata ai camperisti, in via Martin Luther King (vicino alla stazione delle corriere). Quindi dopo due anni di stop forzato il palio della rana riparte nel rispetto delle disposizioni sanitarie anti-Covid vigenti.

Per la conquista dell’ambito trofeo le sette contrade in gara si dovranno attenere a un rigido regolamento: è vietato ostacolare i concorrenti avversari, ogni corridore deve trattare con cura la propria rana e, qualora saltasse al di fuori della carriola, deve raccoglierla e riposizionarla; in prossimità dell’arrivo, infine, ogni scarriolante deve rientrare nella corsia a lui assegnata alla partenza e tagliare il traguardo spingendo la carriola con la rana ancora sopra.

Per la conquista del Palio l’abilità del concorrente è importante almeno quanto l’imprevedibile comportamento dell’animale, che al termine della gara viene ricondotto nel suo habitat naturale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
Potrebbe interessarti anche
caricamento