Montelabbate, il pub riapre con la nuova gestione e registratori di cassa "scollegati". Il fisco lo scopre dalla Finanza

Montelabbate, il pub riapre con la nuova gestione, ma il fisco lo scopre dalla Finanza: registratori di cassa "scollegati"
Montelabbate, il pub riapre con la nuova gestione, ma il fisco lo scopre dalla Finanza: registratori di cassa "scollegati"
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 22 Maggio 2024, 01:20 - Ultimo aggiornamento: 18:50

PESARO - Gli scontrini venivano emessi come se tutto fosse normale, ma il registratore di cassa non aveva alcun collegamento con l’agenzia delle entrate. Scoperto un pub a Montelabbate totalmente sconosciuto al fisco. All’interno quattro camerieri completamente in nero. Dall’inizio del mese di maggio i finanzieri del comando provinciale della Guardia di Finanza di Pesaro hanno eseguito controlli su tutto il territorio provinciale finalizzati alla prevenzione e al contrasto degli illeciti in materia economico-finanziaria.

Gli interventi sono stati prioritariamente indirizzati al contrasto del “lavoro sommerso”, della vendita di prodotti contraffatti e/o non sicuri, del consumo di sostanze stupefacenti, della mancata emissione di scontrini e ricevute fiscali, delle violazioni in materia di accise. Le fiamme gialle sono state in ristoranti, bar, tappezzerie e altre attività. Sono stati controllati 20 esercizi pubblici al fine di verificare il rispetto della normativa sul lavoro, nel corso dei quali sono stati individuati 11 lavoratori in nero (su 54 lavoratori identificati al momento dell’accesso). Un pub a Montelabbate è risultato essere sconosciuto al fisco. Dopo il cambio di gestione, i titolari non avevano dichiarato nulla.

«Ci mettiamo in regola»

Sono pronti a mettersi in regola, ma rischiano una multa di decine di migliaia di euro. Inoltre, sono state controllate 3 nuove attività (aperte da non più di sei mesi) con l’obiettivo di individuare preventivamente violazioni degli obblighi tributari. Sono stati anche effettuati 32 controlli in materia della corretta emissione telematica degli scontrini e delle ricevute fiscali a seguito dei quali sono state riscontrate 13 irregolarità; 3, invece, i controlli in materia di abbonamento speciale Rai con la costatazione di 2 irregolarità.

Non solo locali perché le fiamme gialle hanno controllato 221 autoveicoli, identificato 331 persone, elevato 6 verbali in materia di violazioni al codice della strada, effettuato 7 riscontri ai beni viaggianti ed eseguiti 12 controlli in materia di accise nei confronti di autocisterne e distributori stradali. Nel corso di tali attività sono stati sequestrati 60 grammi di marijuana e 14,30 grammi di hashish, con la denuncia a piede libero di due soggetti. L’attività ispettiva svolta sul territorio ha permesso, altresì, di sequestrare penalmente 392 capi di abbigliamento contraffatti nonché amministrativamente 185 articoli di casalinghi per violazione degli obblighi in materia di etichettatura.

Le attività

Tutte le attività testimoniano il ruolo attivo della Guardia di Finanza quale forza di polizia economico-finanziaria a competenza generale stabilmente impegnata nel contrasto ad ogni forma di illegalità a tutela della collettività, fenomeni che costituiscono ostacolo alla sicurezza dei cittadini e alla crescita di un mercato ove gli operatori economici onesti possano beneficiare di condizioni eque di concorrenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA