Il super ricercato per droga scovato con l'elicottero dopo 17 mesi di latitanza: arrestato nel sonno

Montecopiolo, il super ricercato per droga scovato con l'elicottero dopo 17 mesi di latitanza
Montecopiolo, il super ricercato per droga scovato con l'elicottero dopo 17 mesi di latitanza
di Gianluca Murgia
3 Minuti di Lettura
Venerdì 20 Dicembre 2019, 08:44

MONTECOPIOLO - Prima hanno osservato l’area con un elicottero, poi hanno verificato la sua presenza, infine con un blitz da film sono entrati in azione con 12 militari in uniforme e abiti simulati sorprendendolo nel sonno. In manette, a Villagrande di Montecopiolo, è finito un 35enne di nazionalità albanese: era ricercato dal maggio 2018, con in sospeso un ordine di custodia cautelare in carcere emesso dal Tribunale del Riesame di Bologna, nell’ambito della maxi operazione antidroga “Free Flight” condotta dai carabinieri di Riccione e della Dda di Bologna volta a sgominare un traffico aereo di marijuana dall’Albania.

LEGGI ANCHE:
Ascoli, furti e rapine, arrestata la Primula rossa dell'operazione “Case sicure”

Il ricercato? Sorpreso a passare la notte nel reparto letti di Ikea e arrestato


L’uomo viveva in una bifamiliare, tra i boschi di Santa Rita a Villagrande di Montecopiolo, di proprietà di un insospettabile connazionale di 49 anni. L’arresto è stato effettuato dai carabinieri della Compagnia di Novafeltria, diretta dal capitano Carmelo Carraffa. L’indagine, certosina, in collaborazione con i colleghi di Urbino, ha portato alla scoperta del nascondiglio dell’uomo.
 

Mercoledì i carabinieri sono entrati in azione con dodici militari, attendendo che il 49enne padrone di casa uscisse per recarsi al lavoro. Il 35enne è stato bloccato mentre stava ancora dormendo. Nell’armadio della sua camera sono state trovate tre confezioni di cellophane con 26 grammi di cocaina, un bilancino di precisione, una carta di identità e una patente di guida false, emesse dall’autorità greca, con le fotografie dell’uomo ma con altre generalità. Il 35enne, che è stato anche arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e per possesso di documenti falsi, validi per l’espatrio, è stato portato al carcere Villa Fastiggi di Pesaro. Nei guai è finito anche il connazionale che lo ospitava, un uomo - denunciato - definito insospettabile e che lavora nella zona. Le ipotesi di reato, per quest’ultimo, sono il favoreggiamento personale e la detenzione abusiva di munizionamento. All’interno della stessa abitazione è stata infatti trovata una cartuccia da fucile illegalmente detenuta. 

Marijuana, l’inchiesta nel 2015
L’operazione Free Flight era iniziata nel 2015 grazie ai carabinieri della Compagnia di Riccione. Nell’inchiesta, dopo la scoperta di alcune piantagioni di marijuana riconducibili a due famiglie albanesi, erano finiti 14 stranieri. Ad Ostuni, nell’agosto del 2015, i carabinieri avevano poi intercettato un velivolo con un carico di 128 chili di marijuana facendo così scattare una ulteriore indagine della Dda di Bologna. Dopo due ricorsi della Distrettuale, la Cassazione nell’aprile del 2018 aveva accolto le richieste dell’Antimafia. Erano state così state eseguite 5 misure di custodia cautelare in carcere, 1 obbligo di dimora e 1 presentazione alla polizia Giduiziaria. L’arresto di mercoledì è un tassello di questo quadro.

© RIPRODUZIONE RISERVATA