Guardia medica sempre chiusa, adesso si pensa di ricorrere ai medici in pensione

Guardia medica sempre chiusa, l'appello del Pd al sindaco: «Si ricorra ai medici pensionati»
Guardia medica sempre chiusa, l'appello del Pd al sindaco: «Si ricorra ai medici pensionati»
di Iacopo Zuccari
2 Minuti di Lettura
Domenica 3 Aprile 2022, 05:20

MONDOLFO  - Permane la chiusura del servizio di guardia medica nel mese di aprile, il Pd chiede al sindaco di intervenire incentivando il ricorso ai medici in pensione.

 

«Purtroppo – dichiara Samuele Mancini, segretario del circolo Pd Mondolfo Marotta - ci preoccupa molto vedere che nonostante il grido di emergenza lanciato già a febbraio come segretario Pd locale, in merito alla chiusura delle guardie mediche, tra cui proprio Mondolfo, la gestione della sanità marchigiana messa in campo da questa maggioranza a trazione centrodestra, continua a penalizzare i cittadini e in particolare il nostro territorio. Premesso che quando sono in gioco diritti importanti e fondamentali come questo, fare squadra senza bisogno di sventolare bandiere è d’obbligo, mi fa piacere vedere che negli ultimi giorni, anche altri esponenti politici si sono improvvisamente accorti del fondamentale ruolo delle guardie mediche nel territorio, così come in molti ci siamo resi conto dell’incessante lavoro che i rappresentanti Pd in consiglio regionale Vitri e Biancani svolgono da mesi per difendere il servizio». 


Dal primo marzo gli utenti sono dirottati per motivi organizzativi presso le sedi più vicine (Calcinelli, Fossombrone e Fano). Il comitato per la salute pubblica di Mondolfo e il Psi otto giorni fa con un sit-in hanno sollevato il problema con manifestazioni pubbliche. Mancini propone al sindaco Nicola Barbieri «un impegno concreto per garantire il mantenimento a pieno regime del servizio, reperendo una somma utile per pagare alcune figure professionali, magari richiamando i medici collocati in pensione ma ancora disponibili ad esercitare».

© RIPRODUZIONE RISERVATA