Sparatoria contro un cuoco nel ristorante, Pecorale fa scena muta: convalidato il suo arresto

Giovedì 14 Aprile 2022 di Iacopo Zuccari
Sparatoria contro un cuoco nel ristorante, Pecorale fa scena muta: convalidato il suo arresto

MONDOLFO – Resta in carcere Federico Pecorale, il giovane italosvizzero di 29 anni che domenica scorsa ha sparato contro un cuoco in un ristorante in piazzale Salotto a Pescara ed è stato poi arrestato all’altezza di Marotta mentre tentava la fuga sull'autostrada A14 con un taxi. 

 


Ieri si è tenuta l’udienza di convalida davanti al gip Giacomo Gasparini che si è inizialmente riservato la decisione per incompetenza territoriale essendosi consumati i reati di cui Pecorale è accusato a Pescara. Gli atti sono stati restituiti al pm abruzzese. Pecorale, difeso dall’avvocato Florenzo Coletti del foro di Chieti, si è avvalso della facoltà di non rispondere e non ha dunque fornito spiegazioni in merito ai fatti avvenuti domenica quando intorno all’ora di pranzo il giovane – in passato vittima di un incidente in moto – improvvisamente ha aperto il fuoco con una Beretta calibro 6,35 illegalmente detenuta contro il cuoco Yelfry Guzman, 23 anni di origini domenicane rimasto gravemente ferito. Pecorale è accusato di tentato omicidio e di detenzione e porto abusivo di armi.


Nella giornata di ieri le condizioni di Guzman, sottoposto a tre interventi chirurgici, sono leggermente migliorate ed è stato trasferito dal reparto di rianimazione a quello di neurochirurgia. I medici hanno dovuto estrarre due proiettili che si erano conficcati nel corpo del cuoco colpendolo in più parti e alla schiena. Fin dalle immediate ore successive alla sparatoria al Casa Rustì di piazza Salotto, la polizia grazie alle immagini di videosorveglianza interne al ristorante pescarese e agli hotel della zona, ha identificato e dato un volto all’aggressore. Domenica alle 23 circa è scattato il blitz alla stazione di servizio Metauro Est nel comune di Mondolfo. L’intervento è avvenuto in pochi minuti, di fronte agli occhi degli stessi dipendenti della pompa di benzina che si sono visti arrivare cinque auto e decine di agenti. L’arma trovata in possesso di Pecorale secondo gli inquirenti è compatibile con le due ogive estratte dai medici che hanno operato il cuoco. L’arresto è motivato per pericolo di fuga e reiterazione di reato. 


«Accresce l’allarme sociale – ha scritto il gip nell’ordinanza – che Pecorale, privo di autorizzazioni, girasse armato e pronto a sparare». Quasi un’esecuzione spietata perché Guzman è stato colpito e già ferito a terra. La difesa ha sollevato il tema dello stato di salute mentale di Pecorale che già nel 2016 era stato preso in carico da strutture sanitarie svizzere. Da Villa Fastiggi, sarà trasferito al carcere di Ancona.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA