Vandali scatenati a Mondolfo: secondo blitz in pochi giorni all'asilo nido. Casetta smontata

Giovedì 23 Giugno 2022 di Jacopo Zuccari
Vandali scatenati a Mondolfo: secondo blitz in pochi giorni all'asilo nido. Casetta smontata

MONDOLFO - Doppio raid vandalico all’asilo nido “Il Brontolo” di Cento Croci di Mondolfo. E le educatrici esasperate scrivono su Facebook per denunciare il fatto. È successo probabilmente nella notte tra lunedì e martedì quando poi alla mattina il personale della struttura ha ritrovato nel giardino una casetta smontata. I giochi fortunatamente sono recuperabili e il danno non è irreparabile, tuttavia resta il fastidio poiché è la seconda volta che ignoti si introducono nella proprietà privata dell’asilo nido di Cento Croci in via Occorsio. 

Incendio nella notte in una palazzina, appartamento inagibile. Vigili del fuoco al lavoro per ore

 

Lo sdegno

«Era successo anche la settimna precedente che la casetta era stata smontata», raccontano le educatrici. La struttura si trova in una zona residenziale alla periferia di Mondolfo. Unanime lo sdegno dei concittadini e dei colleghi di lavoro che sui social hanno espresso disappunto per un atto vandalico commesso all’interno di un asilo nido. Si pensa a una bravata dei ragazzini e del fatto sono state informate le forze dell’ordine e la polizia locale ha effettuato un sopralluogo. «Le colpe maggiori – ha commentato nel post Luigi Costantini - sono dei genitori che non hanno insegnato l’educazione ai propri figli». 
«Vandali per non dire peggio – ha aggiunto Patrizia Paradisi – L’asilo non si tocca». «Incivili proprio», hanno sottolineato numerosi altri genitori e residenti del quartiere che invocano una maggiore attenzione da parte dei vicini e delle famiglie della zona, invitando a segnalare al personale dell’asilo qualora gli episodi di vandalismo dovessero ripetersi. La struttura educativa è aperta fino al pomeriggio alle 17. 

L’incursione

I vandali potrebbero aver agito di sera o più probabilmente di notte in assenza di personale all’interno, scavalcando agevolmente il recinto piuttosto basso. Resta il dubbio su cosa ci sia di divertente nel provocare certi danni e quali siano le motivazioni di certe incursioni che non meritano aggettivi.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA