Lo vanno a controllare ai domiciliari e gli trovano una serra di marijuana e reperti bellici: torna in manette

Domenica 13 Giugno 2021 di Luigi benelli
Pesaro, lo vanno a controllare ai domiciliari e gli trovano una serra di marijuana e reperti bellici: torna in manette

MONTELABBATE - Lui è un pesarese di 50 anni agli arresti domiciliari. La particolarità è che vive un una zona di campagna verso Montelabbate. Motivo per cui è lui stesso con la sua Jeep ad affrontare strade sterrate per andare incontro ai carabinieri durante i controlli sulla detenzione domiciliare. Venerdì pomeriggio però i militari sono voluti andare a verificare dentro casa.

 

E hanno fatto diverse scoperte. Qualcosa che usciva dalla routine ma che ha portato a varie scoperte. L’uomo aveva allestito in casa una serra in cui aveva piantato dieci piante di marijuana. Un ambiente idoneo alla crescita grazie alle classiche lampade per il calore. Ma non è tutto perché guardandosi intorno carabinieri hanno trovato una baionetta d’assalto, arma che non può essere tenuta in casa se non è stata denunciata. Poi alcuni bossoli e proiettili della Seconda Guerra Mondiale, reperti bellici illegali. Aveva anche un tablet e un telefonino che sono proibiti in regime di detenzione domiciliare. Il detenuto infatti non può avere accesso a internet. Infine c’erano anche 500 euro in contanti, ritenuti provento di un possibile spaccio. L’uomo è stato quindi arrestato per coltivazione di sostanze stupefacenti e possesso di armi da guerra non dichiarate e giustificate. Infine la violazione degli obblighi derivati dagli arresti domiciliari.

Fuggi fuggi al parco Miralfiore

Sempre in materia di droghe i militari assieme alla Cio, compagnia intervento operativo sono stati al parco Miralfiore per dei controlli assieme all’unità cinofila, il cane One. Qui, venerdì, hanno visto tre stranieri, così si sono diretti verso di loro con l’obiettivo di controllarti. Ma i tre sono scappati. Nella corsa hanno lanciato un sacchetto. Il cane ha subito fiutato la sostanza, Infatti all’interno c’erano 9 grammi di hashish divisi in dosi pronte per lo spaccio al dettaglio. Nella foga uno di loro ha anche perso il cellulare.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA