Mombaroccio, scuola sicura il Comune fa da solo: tamponi per alunni, docenti e personale. Trovato un solo positivo su 140

Sabato 16 Gennaio 2021
Tampone a un alunno della scuola di Mombaroccio

MOMBAROCCIO Dopo lo screening di massa predisposto a tutta la popolazione, nel comune di Mombaroccio ieri mattina si è svolto, nella palestra della scuola comunale Federico Barocci in via Zandonai, lo screening di massa per gli studenti della scuola primaria e secondaria di primo grado (per gli alunni dai 6 ai 13 anni), il corpo insegnanti e tutto il personale scolastico che gravita intorno alla scuola personale Ata ed autista del pulmino compresi. Sono stati 140 i tamponi effettuati nella mattinata di cui 128 quelli fatti agli alunni e 12 quelli al personale scolastico.

 

 

Buono il numero delle adesioni se si considera che alcune persone avevano già partecipato allo screening di massa effettuato qualche giorno fa presso il ristorante La Tagliata a Cartoceto (dove anche i cittadini mombaroccesi potevano recarsi) e che attualmente una classe è in quarantena per la positività di un suo elemento. Dei 140 tamponi solo uno di questi risulta positivo al Covid 19 ed è in attesa del secondo controllo molecolare. A differenza dello screening predisposto dalla Regione, questa iniziativa è stata un’idea dell’amministrazione comunale ed è stata gestita in maniera autonoma. «L’idea di uno screening mirato per la scuola ci è venuta durante le festività natalizie – spiega il sindaco Emanuele Petrucci – volevamo avere un riscontro di quanto sarebbe successo durante questo periodo con i ragazzi in casa per poter avere maggiore sicurezza nella ripresa delle lezioni». Lo screening è stato effettuato attraverso una convenzione pubblico privata con un laboratorio di Senigallia che ha fornito mezzi e personale per i tamponi. «Abbiamo scelto questa formula perché non volevamo gravare sul personale Asur già impegnato in altri screening di massa. Per studenti e personale scolastico lo screening è stato gratuito».

Il Comune ha pagato usando una parte del budget anticovid. Intervenuta durante le operazioni di screening anche la dirigente dell’Istituto scolastico Pirandello cui fa parte la scuola di Mombaroccio, Cinzia Biagini. Il sindaco Petrucci a fine mattinata coglie l’occasione per ringraziare la dirigenza e tutti i partecipanti «Davvero grazie agli insegnanti, al personale scolastico e agli operatori sanitari per la collaborazione e il lavoro svolto; grazie ovviamente anche ai bambini tutti ligi, attenti e rispettosi delle regole da rispettare, sono stati un vero e proprio esempio anche per le persone più grandi». Intanto continuano, anche se a rilento a causa del grande impegno del personale sanitario impegnato oltremodo in questo periodo, i rientri presso la Rsa Bricciotti dove qualche giorno fa erano rientrati 6 ospiti dopo la riapertura della struttura a seguito dei lavori di riparazione effettuati prima del periodo natalizio. Un rientro a rilento com’è noto anche per i controlli anticovid che hanno visto positivo anche un operatore sanitario fatto che comporta ulteriore rallentamento ai reingressi. «Sulla Bricciotti – spiega il sindaco – ho appuntamento in Regione la prossima settimana proprio per parlare della situazione nella Rsa».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA