Molestie e carezze a 12enne, condannato l'amico di famiglia

Molestie e carezze a 12enne, condannato l'amico di famiglia
Molestie e carezze a 12enne, condannato l'amico di famiglia
di Luigi Benelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 13 Ottobre 2022, 03:55 - Ultimo aggiornamento: 17:03

PESARO - Violenza sessuale sull’amichetta della figlia della compagna, ieri la sentenza con la condanna a due anni per l’uomo. Il fatto riguarda un pesarese di 60 anni, accusato di violenza sessuale aggravata nei confronti di una ragazzina, che all’epoca dei fatti era 12enne. Lei era un’amichetta della figlia della sua convivente. Non solo, ma il 60enne risulterebbe che un vicino di casa e conoscente della famiglia della giovanissima vittima di abusi. Secondo l’accusa e la testimonianza della minore, l’adulto l’avrebbe palpeggiata e toccata nelle parti intime. Non una volta. Ma in tre occasioni distinte, anche quando accompagnava le due amichette al centro estivo. In particolare in una circostanza le avrebbe chiesto di fare il gioco del dottore. 


Condotte reiterate nel tempo

 
Condotte che sarebbero state reiterate nel tempo tanto da creare danni psicologici e turbamenti alla ragazzina che gli sarebbe stata affidata insieme alla figliastra per ragioni di custodia. La ragazzina, dopo la perizia, è risultata attendibile e ha cristallizzato il racconto in un incidente probatorio. Una testimonianza in modalità protetta assistita da una psicologa per la consulenza tecnica. Sono stati contestati palpeggiamenti nelle parti intime. Poi in un’altra circostanza l’uomo sarebbe seduto sul divano di casa insieme a lei e con la scusa di farle i “grattini” l’avrebbe palpeggiata e le avrebbe spinto la piccola mano nelle proprie parti intime. La ragazzina a quel punto è sarebbe scappata in bagno e qui è scattato il racconto ai genitori e la denuncia. Il pm, nella discussione in rito abbreviato, aveva chiesto che l’imputato fosse condannato a 3 anni. Ieri l’uomo è stato condannato per uno degli episodi (quello del divano) a 2 anni con rito abbreviato e assolto per insufficienza di prove per gli altri. E’ stato interdetto per due anni dai pubblici uffici, con interdizione perenne per le tutele e per tutti i lavori che hanno a che fare con le scuole e luoghi in cui ci sono minori.

L’avvocato Pia Perricci ha il compito di seguire la famiglia della 12enne e si è costituita parte civile. Ha chiesto come provvisionale 150mila euro per la figlia e 40mila per la madre. Ieri è stata liquidata una provvisionale di 5000 euro. Il resto in sede civile. «Purtroppo queste storie stanno diventando sempre più comuni – spiega Perricci - È indubbio che si tratta di episodi gravissimi che sconvolgono la vita sia della persona vittima di violenza, che dei familiari. Quest’uomo ha potuto godere dello sconto di pena per aver scelto il rito abbreviato. Eppure la vittima di violenza si porterà dentro per tutta la vita la violenza subita, non ci saranno sconti di sofferenza. Questa bambina è stata molto coraggiosa a raccontare tutto alla mamma e, proprio per tale motivo l’appello che faccio a tutte le famiglie è quello di cercare di avere sempre un colloquio sincero con i propri figli, e di cercare di creare una rete di amicizie intorno ai ragazzi per salvaguardare la loro infanzia e adolescenza».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA