Getta l’eroina dal finestrino dell'auto: fermato e arrestato 40enne che arrivava dalla Romagna per spacciare

Venerdì 19 Febbraio 2021 di Eugenio Gulini
L'operazione è stata effettuata dai carabinieri di Urbino

URBINO -  Nella tarda serata di mercoledì scorso il Nucleo Operativo di Urbino, durante l’ordinaria attività informativa e investigativa sul territorio, coordinato dal capitano Renato Puglisi ha arrestato un 40enne di Montescudo (Emilia Romagna) per detenzione ai fini di spaccio di stupefacente. L’uomo, con il suo mezzo, si stava dirigendo verso la città ducale. Disoccupato e conosciuto alle forze dell’ordine per azioni, era partito dalla Romagna con circa 30 grammi di eroina.

 

LEGGI ANCHE:

Coppia adulta rimasta senza lavoro sbarcava il lunario con coca ed erba

 
Il personale dei Carabinieri è entrato in azione proprio alle porte di Urbino. Quando il 40enne si è accorto dei militari ha gettato dal finestrino l’involucro bianco contenente la droga pesante. I Carabinieri se ne sono accorti e, dopo aver fermato l’auto, sono tornati a recuperare la piccola confezione che nonostante il buio si è subito ritrovata in mezzo ad un campo. Ieri mattina la direttissima, di fronte al Pm Celli, al tribunale competente di Rimini perchè l’arresto è avvenuto a Montescudo.

Il 40enne, originario della Romagna, è stato tradotto in carcere a Rimini. Questa brillante ed ennesima operazione dei Carabinieri si allaccia a quella di un paio di settimane fa quando, la stessa Arma, per i controlli incrementati per i motivi di sicurezza sanitaria aveva fermato un 41enne ai confini tra Marche e Romagna con fare piuttosto nervoso ed inconsueto. Invitato, per un’ispezione personale presso la Caserma del Comando Carabinieri di Urbino, il 41enne, all’interno degli slip, in un cartoccio, aveva 30 grammi di eroina, una delle droghe, come detto, più funeste in circolazione.

Ricordiamo che qualche mese fa, all’interno di un bagno in servizio presso il centro commerciale di “Santa Lucia” è rinvenuto morto per overdose un durantino ultracinquantenne, padre di famiglia. Con la prosecuzione delle indagini, tuttora in corso, si cerca di capire e carpire dove si sia rifornito l’uomo di Montescudo. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA