Con l'esame sierologico il sindaco scopre di aver avuto il virus da asintomatico

Antonio Sebastianelli
Antonio Sebastianelli
2 Minuti di Lettura
Lunedì 27 Aprile 2020, 06:05

TERRE ROVERESCHE «Mi sono sottoposto anch’io al test sierologico avviato dal Comune per le prime duecento persone che operano nei posti pubblici sensibili ed ho scoperto di essere stato un soggetto asintomatico, ormai guarito, senza che mi sia mai accorto di nulla» ha spiegato il sindaco di Terre Roveresche Antonio Sebastianelli nella diretta Facebook con i cittadini nell’appuntamento di venerdì dalle 12 alle 12.30. «Non ho la minima idea dove possa essermi infettato. Visto che tutto è andato per il meglio sono tranquillo». Importante l’annuncio del primo cittadino visto che «da oggi inizia la distribuzione delle mascherine a cominciare dal Municipio di Barchi. Si tratta di mascherine acquistate dal Comune. Sono in cotone così che possono essere riutilizzate dopo averle bollite e sterilizzate». Per quanto riguarda la campagna dei test sierologici «non escludo che possa essere avviata una seconda campagna dopo che avremo visto i risultati di quella in corso in collaborazione con gli operatori della cooperativa sociale Art. 32». 

Altra importante raccomandazione del sindaco riguarda la fase 2 «evento che non deve ingannare nessuno nel senso che non si tratta, comunque vadano le cose e le decisioni, di una sorta di libera tutti. Occorre invece continuare a prestare la massima attenzione con la stessa accortezza che i nostri concittadini hanno osservato con scrupolo fino ad oggi. Mettiamoci bene in testa che un’eventuale ricaduta sarebbe un vero dramma». Ultimo immancabile riferimento ai carotaggi geologici avviati nel terreno di proprietà privata a Barchi dove dovrebbe sorgere il digestore. «Chi crede che siano iniziati i lavori si sbaglia. Il Comune è per il no al digestore in quanto mancano le garanzie come ho già anticipato e l’iter burocratico in Provincia è fermo». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA