Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Fondi ai Comuni per ospitare i profughi, il sindaco Ricci: «Prendete Pesaro come modello»

Il sindaco Matteo Ricci nella foto di gruppo alla fine dell assemblea Ali
Il sindaco Matteo Ricci nella foto di gruppo alla fine dell’assemblea Ali
di Eleonora Rubechi
3 Minuti di Lettura
Sabato 26 Marzo 2022, 04:20

PESARO  - La guerra in Ucraina, la gestione dell’accoglienza e il sogno degli Stati Uniti d’Europa. Questi gli argomenti al centro del dibattito conclusivo dell’assemblea nazionale di Ali a Firenze, che insieme al sindaco di Pesaro Matteo Ricci ha visto protagonisti il ministro per gli Affari Regionali Mariastella Gelmini e il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti. 

 

«Il Governo ci aiuti nell’operazione “Comune adotta Comune” e istituisca un fondo speciale da dare subito ai Comuni, per le famiglie che accolgono i profughi. Lo scopo – ha ricordato Ricci - è quello di costruire un legame, che va dalla gestione dell’emergenza e accoglienza alla ricostruzione». L’80% dei profughi ucraini trova rifugio nelle famiglie, per questo occorrono sostegni immediati ai Comuni, che poi si occuperanno di distribuirle alle famiglie». Come? «Le Amministrazioni - spiega - conoscono i territori. Negli anni abbiamo costruito criteri per individuare le esigenze delle famiglie. Chi ospita i profughi ucraini potrà fare richiesta dei fondi con l’autocertificazione. Un modello che funziona, portato avanti dal Comune di Pesaro per la distribuzione dei buoni spesa».

Occorrono dei fondi da spendere subito, lo ha ricordato anche il sindaco di Bergamo Giorgio Gori, elencando alcuni dei costi che graveranno sulle casse comunali: la mensa scolastica costa 155 euro/mese, l’assistenza scolastica per un ragazzo disabile 660-750 euro/mese, l’assistenza domiciliare (5 ore/sett) 500 euro/mese, l’inserimento di un disabile in una struttura dedicata 1.000 euro/mese, l’asilo nido costa al comune 1.000 euro/mese, la scuola per l’infanzia: 300 euro/mese. Intanto il Parlamento Ue, ha sbloccato i fondi di emergenza per i rifugiati: «Su 4 miliardi stanziati, qualche centinaio di milioni può arrivare all’Italia. Usiamoli per l’accoglienza – ha esortato Ricci -, seguiamo l’esempio della Regione Lazio che la prossima settimana sbloccherà ufficialmente una parte di risorse previste per il Fse, destinandole all’emergenza Ucraina». Ricci ha poi affrontato anche il discorso del Pnrr. «Va fatto un ragionamento pragmatico- ha puntualizzato - Forse non riusciremo a spendere tutte queste risorse. C’è una parte a fondo perduto e una parte a debito. Su quella a fondo perduto non possiamo perdere un euro, sarebbe un peccato mortale. Convertire o chiedere di convertire la parte a debito per affrontare l’emergenza energetica potrebbe essere un ragionamento di buon senso italiano ed europeo. Non possiamo pensare di correre e poi vedere che una parte comunque non la spendiamo, dobbiamo essere realistici». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA