Marotta, camper tira dritto e travolge
le sbarre del passaggio a livello

Il passaggio a livello di Marotta senza sbarre
Il passaggio a livello di Marotta senza sbarre
2 Minuti di Lettura
Lunedì 24 Giugno 2019, 04:05

MAROTTA -  Turista lombardo travolge danneggiandole le sbarre del passaggio a livello di Marotta e scappa via. Traffico ferroviario in tilt. Auto bloccate dalla polizia locale intervenuta per mettere in sicurezza il passaggio dei treni. Un Freccia Bianca si è dovuto arrestare alla stazione e un altro ha rallentato la corsa procedendo a passo d’uomo in direzione nord. Panico e sconcerto a Marotta ieri pomeriggio quando alcuni cittadini hanno assistito a una scena «mai vista». 

È accaduto poco dopo le 15, mentre residenti e villeggianti si stavano recando in spiaggia. Tra loro il consigliere comunale mondolfese Giovanni Berluti che camminando sul lungomare ha notato una sbarra del passaggio a livello rimasta inclinata sopra un camper che non si era fermato al semaforo rosso, in direzione della statale Adriatica. Accortosi che la situazione stava diventando pericolosa, Berluti si è avvicinato al camper. Poi, la scena incredibile. Una volta che le sbarre si sono rialzate il conducente ha riposto le sbarre danneggiate a terra e, facendo finta di telefonare, è risalito a bordo per darsi alla fuga.

«Una cosa del genere ancora non l’avevo mai vista, non ci sono parole – racconta il consigliere – Ho telefonato alla polizia locale per informarla. Altre volte in passato era accaduto che un’auto rimanesse intrappolata tra i binari. Quando succede, ma non dovrebbe mai accadere, hanno il senso civico di non fuggire. Invece questa volta non è andata così, ma le fotografie parlano chiaro». Berluti ha registrato istante per istante la fuga del camper e il conducente che senza alcuna remora gettava via a terra la sbarra danneggiata. Una volta identificato, il fuggitivo andrà incontro a una denuncia per danneggiamento e interruzione di pubblico servizio, oltre a una multa per il mancato rispetto del semaforo rosso. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA