Marotta, esplode il bancomat
banda in fuga con 60mila euro

Lunedì 12 Agosto 2019
Il bancomat fatto esplodere a Marotta

MAROTTA -  È caccia alla banda che l’altra notte ha assaltato con del materiale esplosivo il bancomat dell’ufficio postale di Marotta. E’ successo a cavallo tra il sabato e la domenica. Ignoti hanno fatto saltare lo sportello delle poste di via Genova intorno alle due, precisamente l’1.50. Sulle tracce dei malviventi i carabinieri della stazione di Marotta e del Nor della compagnia diFano. I rilievi tecnici sono stati eseguiti dal nucleo investigativo del comando provinciale di Pesaro e dal nucleo artificieri del comando provinciale di Ancona anche attraverso le immagini delle telecamere di videosorveglianza acquisite.

Ad agire materialmente sarebbero stati almeno due malviventi con il volto coperto da passamontagna che in una manciata di minuti hanno fatto esplodere il postamat arraffando quanto più denaro possibile. Ancora da quantificare il bottino. Il bancomat era stato caricato, in vista del fine settimana per un quantitativo ingente, circa 60mila euro, e a quanto pare conteneva ancora all’interno una cifra attorno ai 10mila euro. La tecnica impiegata, stando a una prima ricostruzione da parte dei carabinieri, sarebbe quella della “marmotta”, ormai collaudata e in cui sono specializzate bande che provengono dalla Puglia, in particolare dalla zona di Foggia. Il modus operandi prevede l’impiego di un parallelepipedo in ferro riempito di polvere pirica che viene inserito all’interno del bancomat per poi procedere con l’innesco e quindi la deflagrazione. Ordigni esplosivi improvvisati, ma molto ingegnosi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA