Calci e pugni all'allenatore durante il torneo giovanile di Gabicce, per il papà violento scatta il Daspo

Giovedì 28 Aprile 2022 di Luigi Benelli
L'allenatore Francesco Latini

GABICCE MARE Allenatore preso a pugni e calci durante un torneo a Gabicce, scatta il Daspo per il papà del 12enne. Lo scorso 18 aprile, in occasione dell’incontro di calcio di categoria Esordienti Under 14 “Nuova Accademia Calcio di Terni/Polisportiva Gdc Ponte di Nona”, valevole per il Torneo Regins Pasqua Football Cup, disputatosi presso il Campo Sportivo di Gabicce Mare, il genitore di uno dei giovani giocatori, per futili motivi legati alla partita in corso, aveva scavalcato la recinzione del campo e, avvicinatosi all’allenatore della squadra ternana, lo aveva aggredito. Prima un pugno in faccia, poi dopo che era caduto i calci nel corpo. 

 

 
L’identificazione
A seguito dell’intervento di un agente della polizia di stato che, libero dal servizio era sul posto e degli approfondimenti effettuati dal personale dell’Arma carabinieri, sono stati ricostruiti i fatti ed è stato identificato l’autore dell’aggressione. Nei confronti dell’uomo il Questore di Pesaro e Urbino ieri ha emesso il divieto di accedere agli impianti ove si svolgono incontri di calcio (Daspo) per la durata di due anni. Il mister della squadra giovanile laziale, di fronte agli occhi impietriti dei presenti, sia spettatori adulti che (soprattutto) bambini, era stato pestato per benino. Secondo le testimonianze il tecnico aveva sostituito il bambino che si era rivolto in maniera non consona all’arbitro. Ma la cosa non è stata gradita dal padre che è passato dagli insulti ai fatti. Doveva essere una coppa che sanciva il ritorno alla socialità vera, al calcio giocato contro coetanei di tutta Italia con tante gente sugli spalti. Lo spettacolo è stato macchiato indelebilmente. L’allenatore era finito in ospedale a Cesena. La cosa potrebbe avere anche strascichi penali se l’allenatore denuncerà il padre che lo ha picchiato.

 

Ultimo aggiornamento: 15:59 © RIPRODUZIONE RISERVATA