Tragedia a Fermignano, si toglie la vita a 25 anni in casa con il fucile da caccia del nonno

Carabinieri al lavoro di notte
Carabinieri al lavoro di notte
2 Minuti di Lettura
Giovedì 13 Gennaio 2022, 01:50 - Ultimo aggiornamento: 15:01

FERMIGNANO - Il suo addio alla vita lo ha deciso in solitudine: non si conoscono, almeno ufficialmente, le motivazioni del tragico gesto di un 25enne di Fermignano che ieri ha deciso di farla finita. Il giovane si è sparato, nel tardo pomeriggio, un colpo con un fucile da caccia di proprietà del nonno.

Luciano, 56 anni, papà di due figli, cade dalla scala, batte la testa e muore. Doveva riparare una caldaia

Il dramma, ancora inspiegabile, è avvenuto in un’abitazione di San Silvestro, popolosa frazione della cittadina metaurense dove tutti si conoscono. Inutili i soccorsi del 118. Il giovane era stato dipendente di Marinelli Cucine e, attualmente, aveva lavorato per la Benelli Armi con un contratto a tempo. Si è suicidato nel garage dell’abitazione del nonno. A trovare il ragazzo sono stati i famigliari in serata che hanno immediatamente richiesto l’intervento del 118. Purtroppo ogni tipo di soccorso si è rivelato inutile: quando sul posto sono arrivati i sanitari per il 25enne non c’era ormai più nulla da fare, era già deceduto. Sul luogo sono poi arrivati anche i carabinieri della locale stazione e del comando di Urbino per cercare di chiarire i contorni della tragedia e chiarire la dinamica. Uno choc per l famiglia e per i residenti della frazione di San Silvestro che conoscevano il giovane molto bene.

© RIPRODUZIONE RISERVATA