Fano, caccia al posto fisso comunale: in 892 per sei contratti di lavoro nei servizi educativi

Martedì 20 Luglio 2021 di Andrea Amaduzzi
Il Municipio di Fano

FANO  - Gareggiano in 892 ma alla fine solo 6 potranno festeggiare. Tanti i posti disponibili per i tre concorsi banditi dal Comune sul fronte dei servizi educativi. Il numero più elevato di concorrenti si registra nella corsa ai tre contratti a tempo indeterminato da educatrice barra educatore assistente all’infanzia.

 

594 gli aspiranti che saranno impegnati nella prova scritta venerdì 30 luglio distribuiti in cinque sessioni (8, 10,15, 12,30, 14,45 e 17 gli orari). Come ampiamente pubblicizzato, la prova sarà affrontata da casa adottando il sistema “proctoring”, che con l’uso incrociato di pc e smartphone tutela dai tentativi di copiatura e da altre operazioni indebite impedendo contestualmente gli assembramenti. 

Trenta le domande, ciascuna corredata da tre diverse opzioni in sede di risposta, di cui bisognerà venire a capo in mezz’ora. Attribuito un punto per ogni risposta corretta, 0 in caso di mancata risposta mentre ogni errore sottrarrà al punteggio complessivo uno 0,33. Identica la modalità applicata al concorso per due posti da insegnante di scuola materna. Qui a competere sono “solo” in 111 e la prova scritta, fissata per mercoledì 28 luglio, si concentrerà in un’unica sessione alle 17. Come per il concorso per educatori verrà comunque stilata una graduatoria alla quale i Servizi educativi attingeranno successivamente per la copertura di posti a tempo determinato. Vince uno soltanto invece nel concorso che assegnerà il ruolo di coordinatore pedagogico.

Gli iscritti sono 187 con prova scritta, che ricalcherà lo schema degli altri due concorsi, in calendario anch’essa per il 28 luglio ma articolata su due sessioni (12 e 14,30). Scritto da remoto anche per gli 83 candidati agli 11 posti da vigile urbano che sono sopravvissuti alla scrematura dettata dalla prova di idoneità fisica e da quella di guida svolte nei giorni scorsi. Al lordo le iscrizioni erano 242. 15 le donne ammesse di cui una con riserva. Chi passa sarà impegnato nell’orale lunedì alle 8 alla Sala della Concordia. Anche in questo caso gli esclusi dalla rosa degli 11 che spunteranno il posto fisso confluiranno in una graduatoria dove poi pescare per le assunzioni stagionali. 

Manca invece soltanto l’indicazione del nome del vincitore per il bando indetto per la copertura del ruolo di dirigente dei Lavori pubblici attualmente affidato ad interim al dirigente dell’Urbanistica Giangolini. Incarico che verrà attribuito a tempo determinato, come è permesso alle amministrazioni pubbliche entro una quota dalla quale il Comune di Fano si è sempre tenuto lontano scegliendo di privilegiare la continuità. Tre anni di mandato estendibili fino ad un massimo di cinque per il quale sono in ballo Federico Fabbri, al momento in forza ai Lavori pubblici come Apo, e Luigina Mischiatti, che ai Lavori pubblici ha operato in passato ma che ora è a capo del settore al comune di Lanciano. Tra i cinque che hanno partecipato sono gli unici ad avere riportato il giudizio di “eccellente” in entrambe le prove. L’ex aequo dovrà essere dipanato una volta esauriti i termini della pubblicazione dei risultati. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA