Fano, in 242 per 11 posti da vigile urbano. La protesta: «Assunzioni con troppo ritardo»

Sabato 10 Luglio 2021 di Andrea Amaduzzi
La polizia locale, foto generica

FANO - Saranno in 242 a contendersi gli undici posti da vigile urbano messi sul piatto dall’amministrazione comunale. Quello almeno il numero degli iscritti al concorso, che non è così elevato come si era immaginato all’atto di emanare il bando ma che deve essere abbinato alle 591 domande che non sono state invece completate. Per aggiudicarsi il canonico posto fisso i candidati dovranno sottoporsi mercoledì prossimo al preliminare test di idoneità fisica. 

Covid Marche, il virus ora contagia i giovani: il 55% dei positivi è under 24. L'effetto dei vaccini, i dati di ricoveri e decessi

 

Appuntamento alle 8 alla pista “Zengarini”, esibendo certificato medico per poi percorrere la distanza dei 1.000 metri entro i quattro minuti e mezzo per gli uomini e al di sotto dei cinque e mezzo per le donne. Eventuale proseguimento il giorno successivo (stesso luogo e stessa ora), preso atto che alla convocazione del 17 e 18 giugno scorsi avevano risposto in pochi. In quella due giorni, però, bisognerà superare anche la prova di guida su ciclomotore sul tracciato configurato dalla commissione giudicatrice. Ritrovo nel parcheggio di via Fattori adiacente allo “Zengarini”. Solo chi avrà saltato con successo questi primi due ostacoli potrà poi accingersi alla prova scritta che come anticipato in sede di presentazione del bando, avverrà da remoto utilizzando il sistema “proctoring”, che consente di evitare di concentrare una folla eccessiva in un unico luogo chiuso non così facile da reperire ma allo stesso tempo rende possibile l’individuazione di eventuali furbetti. Ognuno da casa sua e a partire dalle 14 di martedì 20 luglio si potrà mettere mano alle trenta domande a risposta multipla previste dal dispositivo e inerenti una serie di materie. Successivamente la commissione si preoccuperà di scremare la lista ammettendo i promossi alla prova orale che dando per scontata la presenza di un numero a quel punto circoscritto di superstiti, potrà avere corso in presenza alla Sala della Concordia lunedì 26 luglio alle 8. 

Verrà infine stilata una graduatoria con i primi undici assunti a tempo indeterminato e gli altri nella condizione di essere reclutati per incarichi stagionali. L’integrazione nel corpo della polizia locale è stimata tra la fine di agosto e l’inizio di settembre. Troppo tardi per l’Udc che con il coordinatore locale Pollegioni, delegato anche alla sicurezza, ricorda di «avere segnalato per tempo le sofferenze di organico e il rischio, con l’avvicinarsi dell’estate e la conseguente accensione dei motori della movida, che Polizia e Carabinieri avrebbero dovuto accollarsi anche la problematica estiva, oltre al controllo di un territorio di 121 Km quadrati». Ovviamente niente da eccepire sulla necessità di aggiungere agenti («ben vengano le assunzioni») ma l’Udc prevede che «tra concorso, assunzione e formazione del nuovo personale forse li avremo a disposizione per l’estate prossima». 
Allo stato attuale i vigili urbani possono contribuire poco o nulla al presidio del territorio nelle ore più critiche. «I turni terminano alle 1.30 e solo per il fine settimana, perché per i restanti giorni terminano alle 20. Per il resto della notte - chiude l’Udc - siamo nelle mani di quella unica pattuglia di Polizia e Carabinieri». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA