Iva sul tartufo, Acqualagna denuncia
l'Italia alla Commissione Europea

Mercoledì 21 Ottobre 2015
Iva sul tartufo, Acqualagna denuncia l'Italia alla Commissione Europea

ACQUALAGNA Iva troppo alta sull’ “oro di Aqcaualagna”, il tratufo nero. Il 22%, invece del 4% stabilito per i prodotti agricoli. Il Comune di Acqualagna non ci sta, sottolinea i problemi al commercio ed all’export figli della tassazione, e bussa alle porte della Commissione europea per ottenere giustizia.

Il Comune di Acqualagna, capitale del tartufo nelle Marche, denuncia lo Stato italiano alla Commissione europea per non essersi adeguato al diritto comunitario e supposte «contraddizioni legislative» nel mercato del tartufo. «Nonostante le ripetute audizioni e petizioni, l'ultima quella presentata da Alba al Parlamento europeo», dice il sindaco Andrea Pierotti, «questa situazione normativa contraddittoria persiste da troppo tempo e nulla è stato fatto».

Due le norme del diritto comunitario che lo Stato italiano avrebbe violato: «il non riconoscimento del prodotto tartufo come prodotto agricolo, nonostante la diretta applicabilità dei Regolamenti dell'unione Europea del 2013». Nel mirino del Comune marchigiano anche «l'indetraibilità assoluta dell'Imposta sul valore aggiunto sancita dalla Legge Finanziaria nel 2005, in contrasto con le regole e le procedure previste dalla Direttiva comunitaria». Il tartufo, infatti, resta esplicitamente escluso dal novero dei prodotti agricoli, e subisce l'applicazione dell'Iva al 22%. «Se l'Iva non può essere scaricata - si legge nell'atto di denuncia - si trasforma in un costo notevole per l'azienda, che la ricarica sulla vendita al consumatore, con l'ulteriore inconveniente dell'indetraibilità assoluta dell'imposta pagata dal cessionario (acquirente di tartufi) e della penalizzazione del mercato nazionale ma soprattutto internazionale del tartufo, in seguito all'evidente aumento del prezzo».

Acqualagna chiede dunque l'introduzione dell'Iva al 4%, «al pari degli altri prodotti agricoli». La Commissione europea ha tempo 12 mesi per valutare la denuncia e decidere se avviare una procedura formale di infrazione nei confronti dello Stato italiano.

Ultimo aggiornamento: 22 Ottobre, 05:58 © RIPRODUZIONE RISERVATA