Movida violenta, ubriaco investe un giovane in centro dopo un litigio e poi si schianta sulle auto in sosta

Sabato 3 Luglio 2021 di Eugenio Gulini
Sono intervenuti i carabinieri

URBINO - Notte movimentata a Urbino. Ormai è un leitmotiv. Non si è ancora spenta l’eco della rapina col coltello di lunedì scorso (il giovane con la mascherina è stato individuato ma ancora non preso in trappola) che di notte avviene un investimento lungo la centralissima via Mazzini, la cosiddetta storica porta di Valbona.

Contagi alla festa in spiaggia, dai primi casi spunta la variante Delta. E nelle Marche già 10 cluster. Ecco dove la mutazione è presente

 

Il giovane ferito è stato trasportato in ospedale ed ha riportato varie escoriazioni agli arti inferiori e superiori con una prognosi di 10 giorni. L’aspetto allarmante è che l’investimento è stato intenzionale da parte di un 23enne extracomunitario che alle 3 di notte tra giovedì e venerdì provenendo da zona Santa Lucia ha tentato di travolgere tre persone.

Queste ultime, consapevole delle intenzioni del conducente, si sono protette dietro le auto parcheggiate e, allora, come fosse un autoscontro, l’automobilista ha più volte urtato quei veicoli.
Ha dell’incredibile l’ultimo episodio della movida urbinate del giovedì alla presenza di un notevole gruppo di studenti. I carabinieri, durante il consueto servizio di controllo, sono subito intervenuti. Già allertata l’ambulanza, hanno denunciato il conducente che era in chiaro stato di ubriachezza e lo hanno portato in caserma per interrogarlo procedendo al sequestro dell’ autovettura utilizzata nell’investimento con il ritiro della patente di guida.

L’esatta dinamica di quanto accaduto è al vaglio del nucleo radiomobile intervenuto. Sull’extracomunitario, dopo aver raccolto le testimonianze del caso, potrebbe anche essere mossa la pesante accusa di tentato omicidio. 

La scintilla che ha portato a questo caos sembrerebbe essere stata una discussione degenerata presso l’area adiacente noti locali della movida urbinate. Prima ci sarebbe stata una lite con qualche cazzotto che sembrerebbe essere arrivato a bersaglio (il 23enne aveva il viso tumefatto), poi la reazione fuori controllo di quest’ultimo che avrebbero potuto portare al dramma. Non è ancora stato chiarito il motivo del supposto litigio.

© RIPRODUZIONE RISERVATA