Guardia medica turistica a Gabicce, chi sta male costretto ad andare in Romagna. «Il 112? Rispondono da Ravenna»

Guardia medica turistica a Gabicce, chi sta male costretto ad andare in Romagna. «Il 112? Rispondono da Ravenna»
Guardia medica turistica a Gabicce, chi sta male costretto ad andare in Romagna. «Il 112? Rispondono da Ravenna»
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 27 Luglio 2022, 19:31 - Ultimo aggiornamento: 19:32

GABICCE - I residenti e i bagnanti di Gabicce Mare per ricevere assistenza medica sono obbligati  a recarsi fuori regione. Se si chiama il 112, da Gabicce, rispondono da Ravenna: 85 km, più di un'ora di strada in auto. Lancia l'allarme Europa Verde - Verdi Pesaro e Urbino, dopo aver raccolto l’appello di numerosi cittadini ma soprattutto bagnanti e operatori turistici della città di Gabicce Mare, sul malfunzionamento del presidio della Guardia Medica Turistica. Se ci si reca nel punto “Creobicce” dove, apparentemente, dovrebbe essere ubicato il presidio, non trovando nessuno e chiedendo alla Polizia Locale si viene diretti  tutti in via Enrico Berlinguer, al distretto sanitario. 

L'allarme e il paradosso

«La Guardia Medica, come ci ha riferito un agente, da qualche giorno è stata spostata, anche loro non erano a conoscenza della motivazione – raccontano i co-portavoce Giulio Lonzi e Adriana Fabbri, Europa Verde - Verdi Pesaro Urbino - Quando eravamo lì si sono presentati degli operatori ecologici incaricati di ritirare i rifiuti ospedalieri e DPI ma come noi hanno trovato la porta sbarrata».

Una strada senza uscita

«Dirigendoci in via Berlinguer, presso il distretto, abbiamo trovato indicazioni sulla porta ma salendo al secondo piano come indicato non abbiamo trovato nessuno pure lì. Come riferisce il sindaco della città, quando non vi è l’unico ragazzo neolaureato in Medicina che ha dato la propria disponibilità, nessuna persona ricopre il ruolo di Guardia Medica lasciando quest’onere agli stessi medici di base che hanno risposto alla emergenza, ma non sempre anche loro sono disponibili e, come in questo caso ci si può trovare, in una “strada senza uscita”».

© RIPRODUZIONE RISERVATA