Incosciente e sanguinante dopo una rissa: aggredisce carabinieri e sanitari che lo soccorrono

Sabato 2 Maggio 2020
Gabicce, incosciente e sanguinante dopo una rissa: aggredisce carabinieri e sanitari che lo soccorrono

GABICCE - Dà in escandescenze dopo una lite furibonda. Entra in ospedale e si scatena contro personale, carabinieri e oggetti. E' accaduto a Gabicce dove i militari sono stati chiamati in seguito a una lite con coseguente colluttazione tra due ragazzi.

LEGGI ANCHE:
Coronavirus, da lunedì la fase 2, ma servirà ancora l'autocertificazione/ Scarica il modulo modificato

Coronavirus, calano i ricoverati ma crescono quelli in terapia intensiva. A Fermo l'aumento più alto di positivi


Ad avere la peggio un cittadino italiano di origini russe di 30 anni. Sanguinava al volto e alla testa, in un primo momento sembrava come svenuto o in coma. Sul posto è arrivata l’ambulanza che ha caricato il giovane. Ma una volta sul mezzo, sveglio e su di giri, ha iniziato a reagire violentemente. I militari hanno cercato di calmare gli animi, ma con non poca di difficoltà. Ma una volta varcare le porte del San Salvatore a Pesaro, ancora in preda ad atti di violenza, ha iniziato a tirare suppellettili e aggredire i militari. Uno dei carabinieri è riuscito a bloccarlo, procurandosi delle lesioni al polso. Il ragazzo è stato quindi definitivamente calmato e portato in psichiatria. I carabinieri stanno cercando di capire quali fossero i motivi della lite e valutando le posizioni dei due giovani. Il 30enne è stato denunciato per resistenza

© RIPRODUZIONE RISERVATA