Panico per la fuga di gas con l'aria irrespirabile. Ecco che cos'è successo

Venerdì 17 Dicembre 2021 di Roberto Giungi
Vigili del fuoco, polizia locale e tecnici ieri in piazza Petrucci a Fossombrone

FOSSOMBRONE - Per buona fortuna la fuga di gas si è generata da un contatore esterno. Né ci sono state conseguenze di alcun genere. Solo tanta paura alla luce della psicosi dominante a seguito del tragico evento di qualche giorno prima verificatosi in Sicilia. Si sono vissuti momenti di comprensibile tensione e preoccupazione ieri mattina a Fossombrone non appena un acre odore si è propagato in tutta la piazzetta Petrucci a ridosso di corso Garibaldi, fino ad invadere i negozi poco lontani e la palestra antistante. Scattava l’allarme.

  

Il dispositivo di sicurezza
Sul posto sono confluiti i vigili del fuoco di Cagli appositamente attrezzati, gli agenti della polizia locale e i tecnici preposti al controllo. Poco dopo le 16.30 gli addetti al ripristino del servizio erano già al lavoro. Con il passare dei minuti la situazione si è normalizzata. Tutto si è risolto per il meglio.

«Non appena abbiano sentito che diventava sempre più intensa quell’aria irrespirabile abbiamo dato l’allarme - hanno raccontato alcuni testimoni che erano nelle vicinanze -. e solo quando ci hanno assicurato che non c’erano pericoli ci siamo tranquillizzati». In uno dei negozi poco lontano i titolari hanno riferito di aver sentito bene che l’atmosfera si stava facendo pesante.

La fuga di gas non si era verificata all’interno dello stabile. Un particolare che, una volta confermato, ha consentito a tutti di tirare un lungo sospiro di sollievo. Dalla postazione dei vigili del fuoco si è appreso che non c’erano state conseguenze di alcun genere. I loro addetti erano all’opera per ricaricare la strumentazione utilizzata per rilevare la quantità di gas presente nell’aria. Allarme rientrato e pieno ritorno al ritmo di vita abituale. L’allerta è stata condivisa da diverse persone. Ognuna delle quali ha cercato nel limite del possibile, di dare un aiuto. A cominciare dall’invito a prestare sempre la massima precauzione. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA