Passa troppo vicino al vitellino e mamma mucca la carica: un'escursionista all'ospedale

Venerdì 20 Agosto 2021
Passa troppo vicino al vitellino e mamma mucca la carica: escursionista all'ospedale

FRONTONE - Guai a passare troppo vicino a una mamma con i suoi cuccioli, l’istinto di difesa rischia di trasformare anche il più mansueto degli animali in una furia. Ne sa qualcosa l’escursionista che ieri è stata caricata da una mucca perchè è passata a distanza ravvicinata dal vitellino. E’ successo nella tarda mattinata di ieri sulla sommità del monte Catria nella zona della Croce.

Coronavirus, 156 nuovi positivi nelle Marche. Salgono i ricoverati, morto un 65enne/ I numeri delle regioni

 

La donna, una signora di 44 anni di Genova in vacanza sull’Appennino, è stata assalita dal bovino che, tutt’altro che placido come vuole la nomea, l’ha caricata più volte, una volta finita a terra, prendendola a testate. Ed è andata bene che si trattava di un’esemplare senza corna altrimenti le conseguenze per la turista sarebbero state ancora più pesanti di quelle provocate, che comunque sono serie. La donna ha riportato una serie di traumi e lesioni tali che una volta soccorsa è stata fatta trasportare in eliambulanza all’ospedale di Ancona dove si trova tuttora ricoverata. L’allarme è scattato intorno a mezzogiorno. L’escursionista era insieme al marito, la coppia stava passeggiando sulla sommità del Catria tra i prati dove si trovano al pascolo diversi esemplari di mucche in libertà. Non si sa che cosa abbia potuto innescare la furia taurina della mucca che aveva accanto il vitellino di pochi mesi. Forse un brusco movimento della donna, un gesto carezzevole interpretato come un attacco, o forse soltanto la vicinanza ritenuta eccessiva per la mucca che ha visto in quella presenza estranea un pericolo non per sè ma per il suo cucciolo. Ed ha attaccato. Attaccato alla maniera che solitamente si teme nei tori: a testa bassa. La donna è stata presa alla sprovvista e nella carica possente del bovino è finita a terra, con il marito che cercava di fermare l’attacco. E’ stata chiamata l’ambulanza del 118 ma per soccorrere l’escursionista, essendo la zona impervia, è dovuta intervenire la squadra dei vigili del fuoco di Cagli con una camionetta attrezzata. E una volta messa in sicurezza la 44enne ferita, è stata chiamata l’eliambulanza per il trasferimento a Torrette.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA