Volantini negazionisti nelle cassette della posta: anonimi e patinati, grande paura tra gli anziani

Venerdì 27 Novembre 2020 di Roberto Giungi
Volantini negazionisti nelle cassette della posta: anonimi e patinati, grande paura tra gli anziani

FOSSOMBRONE  - Volantini, anonimi sono stati ritrovati in diverse cassette della posta a Fossombrone. Inneggiano al “no alla mascherina che ruba la vita soprattutto ai bambini”. Stampati a colori su carta patinata in tipografia, da quanto si vede, hanno destato apprensione e causato una certa agitazione in particolare nelle persone più anziane.

LEGGI ANCHE:

Coronavirus, altri nove morti nelle Marche nelle ultime 24 ore. Quattro pazienti in più ricoverati / La mappa del Covid in tempo reale

 
A dire il vero nessuno è rimasto indifferente alla luce della situazione di emergenza sanitaria che si sta vivendo in termini di forte precarietà generale. Sul fronte retro altre scritte del tipo “hanno voluto spaventarci dicendo che con gli assembramenti ci saremmo contagiati in milioni… ma non è successo nulla. Nessun problema di quelli presentati, in sostanza nessuno s’è ammalato”. Il tutto a corredo di sei piccole foto che rappresentano folle oceaniche o comunque molto consistenti, che sarebbero state scattate, stando ai titoli sovraimpressi a Berlino (manifestazione 29 e 30 agosto); a Napoli (festeggiamenti Coppa Italia); a Roma (passeggio a Trastevere); nella riviera adriatica (serate in spiaggia); nelle spiagge d’Europa (folle di bagnanti) e a Londra (manifestazione 29 agosto).


Frasi del tipo “come mai… altrimenti sarebbero costretti a cercare “casi” in persone sanissime…. Spesso imponendo dolorosi e dannosissimi test ad adulti e bambini?”. Qualcuno ha pensato di segnalare il caso alle forze dell’ordine e di depositare denuncia contro ignoti per procurato allarme sociale. Si cercherà di capire anche nella giornata odierna cosa sia successo e perché. E se si avranno sviluppi dato che non ci si trova di fronte ad un Pasquino qualsiasi esaminando bene il materiale distribuito. 


Una decina di giorni prima il sindaco Gabriele Bonci aveva postato un appello improntato alla massima preoccupazione per segnalazioni riguardanti «recentissimi compleanni tra bimbi, raduni tra ragazzi, pranzi e cene di gruppo. Forse non è ancora chiaro che non è questione di “tanto nessuno ci vede nessuno”. E non mi interessano le varie teorie sui vaccini e sul 5G, sul complotto secondo cui sarebbe tutta una montatura dei poteri occulti per disintegrare le nostre economie e svenderci come schiavi a Bill Gates o alla Cina di turno. 

«Io so che c’è in giro un virus che uccide e riempie gli ospedali. Non mi interessa, sempre che sia vero, che il tasso di mortalità del Covid è più basso della normale influenza, questo si propaga ad una velocità spaventosa. E non mi interessa se la maggior parte dei positivi sono asintomatici o con sintomi leggeri. Purtroppo sono tanti anche quelli che devono ricorrere agli ospedali. Ed allora ognuno si comporti come si deve, con coscienza, sapendo che non siamo soli su questo tormentato pianeta, ed i nostri comportamenti hanno conseguenze anche sugli altri, soprattutto in questo periodo». 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA