Abbattuti 47 ippocastani, il sindaco: «Non ho potuto salvarli». Ma è polemica: «Solo alcuni erano malati»

Abbattuti 47 ippocastani, il sindaco: «Non ho potuto salvarli»
Abbattuti 47 ippocastani, il sindaco: «Non ho potuto salvarli»
di Roberto Giungi
3 Minuti di Lettura
Giovedì 7 Luglio 2022, 03:20

FOSSOMBRONE - Comportano un investimento di 240mila euro i lavori avviati a Fossombrone per il rifacimento del viale Martiri della Resistenza, lato destro direzione monte-mare con l’abbattimento dei 47 ippocastani «solo 11 dei quali non verserebbero in condizioni disperate ma il loro stato di salute non propende al meglio» come si legge nella relazione dell’agronomo incaricato dal Comune. 

Berloni: «Amo il verde»

«Ci siamo visti costretti a dover abbattere tutti gli ippocastani perché vuoti all’interno e malati. Sono un pericolo per la pubblica incolumità - ha sottolineato il sindaco Massimo Berloni -. Chi mi conosce sa bene quanto ami il verde e soprattutto quanti alberi ho messo a dimora nella mia vita ma la relazione tecnica dell’agronomo non ha lasciato spazio ad alcuna speranza. A dire il vero ho fatto di tutto per evitare quello che sta accadendo». Da aggiungere che gli impianti tecnologici programmati non sono compatibili con presunte soluzioni alternative. Qualche anno fa lo stesso provvedimento di abbattimento in quel viale aveva interessato una ventina di alberi a rischio crollo. Per i restanti si era tentato un intervento in extremis con una sorta di capitozzatura che non ha sortito gli effetti sperati. Per il rifacimento di viale Don Bosco, sempre a Fossombrone, si era reso necessario un altro intervento a raso per tutti i pini marittimi sostituiti con nuove piantumazioni come avverrà con viale Martiri della Resistenza. 
Riguardo a questo taglio, Giulio Lonzi di Europa Verde segnala che gli sono «pervenute varie segnalazioni da cittadini, che evidenziano l’abbattimento operato dall’amministrazione comunale di numerosi ippocastani in quanto alcuni di loro definiti “malati”. Mi aspetterei che tali interventi di abbattimento venissero operati solamente su quei singoli elementi, ritenuti da perizie opportune, pericolosi. Invece l’abbattimento sta avvenendo in modo sconsiderato e ad essere abbattuti sono anche piante sane ma “scomode” al rifacimento dei viali». 

Lavori previsti da tempo

I lavori in corso erano previsti da tempo come aveva annunciato il precedente sindaco sulla dirittura d’arrivo della sua consiliatura. A conferma che per un verso o per l’altro per gli ippocastani, vecchi di 70 anni, non si prospettava nulla di buono. Comprensibile il disappunto di chi vede abbattere gli ippocastani a prescindere da ogni altra considerazione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA