Ragazzina investita sulla Flaminia, rabbia dei residenti: «La strada è pericolosa»

Venerdì 4 Settembre 2020 di Roberto Giungi
Ragazzina investita sulla Flaminia, rabbia dei residenti: «La strada è pericolosa»

FOSSOMBRONE - Ancora un investimento lungo la Flaminia che attraversa Fossombrone all’altezza del passaggio pedonale poco prima della rotatoria de Le Mosse. Ne è rimasta vittima una ragazzina che per fortuna non ha riportato conseguenze gravissime ma diverse escoriazioni e ferite tanto che è stata accompagnata in ospedale per gli accertamenti del caso. 

LEGGI ANCHE:
Senigalliese si toglie la vita a Roma. Si impicca ad un albero in un parco pubblico: choc tra i passanti. La notizia sta sconvolgendo la città

Il Coronavirus torna a uccidere nelle Marche dopo due mesi e mezzo: morta una donna del Maceratese/ La mappa del contagio


«Non è la prima volta che succedono incidenti in questo stesso punto, occorrono provvedimenti urgenti per rendere questa strada sicura» hanno fatto subito sentire la loro voce diversi residenti.
 
«Né la situazione è più tranquilla oltrepassata la rotatoria. I mezzi transitano a velocità eccessiva, specie quelli che sbucano dal ponte nuovo che si collega con la provinciale mondaviese e quindi allo svincolo della superstrada» aggiungono altri. «Il pericolo per noi residenti é continuo. Ogni giorno corriamo seri rischi quando dobbiamo immetterci sulla Flaminia con le nostre auto. Parcheggi spesso selvaggi impediscono la visibilità. Il fatto che questa situazione sia stata già segnalata con dovizia di particolari non ha ottenuto alcun effetto e questo ci rammarica molto». 
C’è chi suggerisce di «ricorrere ai passaggi pedonali rialzati in modo da costringere chi transita a limitare la velocità visto che la presenza di quelli nuovi segnalati e illuminati di notte non comporta nulla di nuovo. Chiaro che nessuno vuole criticare, la nostra richiesta impellente é di cercare il modo migliore per ottenere una situazione più serena». C’é chi torna sul tema dell’alternanza dei passaggi pedonali. Quelli di ultima generazione «non dovrebbero avere più nulla a che fare con i precedenti vecchia maniera. Dopo aver superato i due nuovi, il terzo, dove succedono gli incidenti, forse viene visto come secondario». Per un verso o per l’altro la Flaminia che divide in due il centro abitato di Fossombrone fa discutere. Il tratto più a monte deve fare i conti con un manto ammalorato e sconnesso. Servono a poco i limiti di velocità dipinti a terra. Chi li rispetta è solo perché si rende conto che certi avvallamenti sono pericolosi. Una questione anche questa non certo nuova. Dopo continue e pressanti segnalazioni qualche toppa é stata messa qua e là. In particolare all’altezza di Piancerreto. Viene da chiedersi però se una situazione del genere sia adeguata ad una strada particolarmente trafficata. 

«Appelli caduti nel vuoto»
«Non sappiamo più a chi rivolgerci, speriamo che qualcuno animato da buona volontà si renda conto che le nostre proteste non sono campate in aria. Come può una cittadina come Fossombrone in cui i dati di afflusso turistico segnano numeri in aumento accettare che questa strada sia ridotta così? E dove l’asfalto è in buono stato succedono incidenti con troppa frequenza?» insistono in tanti nelle loro legittime prese di posizione. Un’ultima annotazione: «Non è una questione politica, per carità. A Fossombrone ogni volta che si segnala qualcosa scattano polemiche inutili che non risolvono nulla».

© RIPRODUZIONE RISERVATA