Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Due daini morti soffocati trovati dentro un recinto. Un altro si è salvato, ecco cosa è successo

Due daini morti soffocati trovati dentro un recinto. Un altro si è salvato, ecco cosa è successo
Due daini morti soffocati trovati dentro un recinto. Un altro si è salvato, ecco cosa è successo
di Roberto Giungi
3 Minuti di Lettura
Venerdì 18 Marzo 2022, 08:15

FOSSOMBRONE  - Due daini di notevole stazza sono morti soffocati ieri mattina dopo essere penetrati in un recinto riservato di norma ai cavalli di proprietà di Graziano Giambartolomei lungo la strada che da Fossombrone porta alla frazione di San Piero in Tambis. Gli animali sono rimasti imbrigliati in una corda che delimita l’area. Non sono riusciti più a liberarsi. «Uno è deceduto nella notte» racconta Giambartolomei «perché quando sono stato avvertito del ritrovamento era già freddo». 


Un terzo è riuscito a liberarsi e a riprendere la corsa nei campi. Lo stesso sarebbe avvenuto per altri tre o quattro esemplari. «Sono animali che stazionano regolarmente nella zona» racconta ancora Giambartolomei che vanta anche titoli tricolori nella gimkana veloce a cavallo. «Animali ai quali voglio anche un gran bene solo che causano danni ingenti e non la prima volta che danneggiano in modo pesante il recinto dei miei cavalli». Ieri mattina verso le sette sono intervenuti sia i vigili del fuoco, che hanno provveduto al recupero delle carcasse, che un operatore del Cras. Quanto successo ha destato impressione nella zona e la notizia si è sparsa in poco tempo. Si tratta di animali possenti che possono raggiungere anche il peso di un quintale. Facilmente immaginabile eventuali danni che possono verificarsi nel caso in cui gli stessi attraversano la strada nel momento in cui transita un’auto. 

Gli animali selvatici si propagano sempre più e il fenomeno, non solo negli ultimi tempi, sta destando non poche preoccupazioni. Si tratta di aree a ridosso del centro abitato. Così come avviene lungo la provinciale che da Fossombrone si porta fino a Calmazzo. In questo caso si tratta dei cinghiali che scendono dalle sovrastanti Cesane e che oltre a devastare addirittura orti e giardini lasciano interi campi in uno stato difficile da descrivere a parole. «Ciò che sta succedendo è davvero incredibile» commenta Fabio Londei.


«In più occasioni ho cercato di richiamare l’attenzione sulla presenza non più sopportabile di cinghiali e altri animali selvatici. Io me li ritrovo direttamente sull’uscio di casa ma fino ad oggi non c’è stato qualcuno che abbia preso provvedimenti e si sia interessato». La storia è già stata raccontata in altre occasioni. Londei ha visto il suo giardino invaso addirittura anche dai lupi. Li ha filmati e fotografati. La situazione va degenerando sempre più. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA