Mosaico di 50 metri elaborato da 45 artisti provenienti da 10 Paesi: così si prepara il Festival della creatività

Martedì 10 Maggio 2022 di Marco Spadola
Il sindaco di Mondolfo, al centro, con gli organizzatori del Festival dell'associazione Chiaro Scuro

MAROTTA - Quarantacinque artisti da oltre 10 nazioni per un mosaico finale di circa 50 metri. Sono questi alcuni dei numeri straordinari della seconda edizione di ‘Mosaichiamo la Città Festival’, in programma dal 18 al 24 maggio a Marotta. L’evento internazionale è stato presentato dall’amministrazione comunale e dall’associazione Chiaro Scuro, che negli ultimi anni ha trasformato il lungomare in una galleria d’arte a cielo aperto. ‘Il nastro dell’amicizia’ il tema scelto. 

 

Il ringraziamento del sindaco
«Il festival – ha esordito il sindaco Nicola Barbieri - è uno degli eventi più importanti che abbiamo il piacere di ospitare. Un grande ringraziamento a Chiaro Scuro per il valore e l’impegno costante. Con il progetto di riqualificazione urbana ‘Mosaichiamo la città’, da noi sostenuto, oltre a migliorare l’immagine del lungomare contribuisce da tempo alla promozione del territorio». Ad illustrare i dettagli l’associazione. Dopo i saluti della presidente Ketty Perrone, ha preso la parola Beatrice Sebastianelli: «Il tema farà da filo conduttore alla sequenza di mosaici da realizzare, con materiale di recupero e in forma aggregativa. Ogni partecipante realizzerà un’opera di libera ispirazione che verrà poi installata nei pressi del molo. L’opera collettiva naturalmente coinvolgerà anche i volontari dell’associazione».

Le attrezzature per i mosaicisti
A Villa Valentina sarà allestita una tensostruttura con tutte le attrezzature per i mosaicisti. Domenica 22 lo special ‘TimbriDiversi Festival’ dedicato alle differenze tra le arti, che si uniscono per creare un mosaico di persone e bellezza. Il 23 e 24 si procederà all’installazione: «Grazie alle opere dei mosaicisti del gruppo e dei tanti artisti da tutto il mondo – ha proseguito Cristina Cucchi - andremo ad arricchire il ‘lungomare dei mosaici’. Una grande squadra senza confini. Vogliamo trasmettere il messaggio che attraverso l’arte si tessono relazioni di amicizia per un bene sociale. In apertura dell’opera due bambini che si tengono per mano, simbolo di Marotta e Mondolfo».

Ha concluso il consigliere con delega alla cultura Even Mattioli: «Orgogliosi di questo festival dai grandi valori. L’arte e la bellezza che favoriscono l’aggregazione sociale. Complimenti».

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA