Oratorio di San Giacomo, nuovo sfregio: c’è una discarica. Trovati rifiuti di ogni genere

Giovedì 2 Dicembre 2021 di Eugenio Gulini
Oratorio di San Giacomo, nuovo sfregio: c è una discarica. Trovati rifiuti di ogni genere

FERMIGNANO  - Fermignano “terra di discariche abusive”. Nel giro di poche settimane, dopo quelle disseminate attorno ad un capannone dismesso (ex Comaf) nella zona turistico – ricettivo di Serra Alta in cui sono intervenuti con denuncia in Procura gli agenti del Gev ecco segnalatoci da un solerte cittadino denominatosi “la vendetta della rana”, una distesa di rifiuti tra i più disparati, ingombranti e nocivi all’ambiente, ai piedi di un monumento storico tutelato dalla Soprintendenza e, soprattutto, dalla memoria dei fermignanesi, l’ Oratorio di San Giacomo (1300 inizi 1400), ora inquinato da mani e menti criminali.

 

Lo stabile, bello ed affascinante, era il rifugio dei pellegrini che si portavano verso Roma, transitando per la San Gregorio ed evitando la “Gola del Furlo”, sito in cui le imboscate di malvagi predoni erano numerose. Ebbene le varie Amministrazioni fermignanesi succedutesi hanno sempre promesso che il cosiddetto “Consorzio o Polo industriale di cui fa parte l’Oratorio l’avrebbero adottato, ristrutturandolo e dandogli dignità turistica”. Mai accaduto. Anzi si è dato il permesso di costruire un capannone nei pressi che lo ha letteralmente offuscato.

Don Fabio Pierleoni della Parrocchia di Calpino ha dichiarato che «sarebbe disposto a prendersene cura con piacere» lui che si occupa già della via Crucis di Monte Pietralata. E l’Amministrazione che nel programma ha fatto della difesa dell’ambiente un tema centrale? Che almeno invii i vigili urbani.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA