Urbino, furti di pezzi di scooter: due 19enni fermati con attrezzi da scasso

Fermignano, furti di pezzi di scooter: due 19enni fermati con attrezzi da scasso
Fermignano, furti di pezzi di scooter: due 19enni fermati con attrezzi da scasso
3 Minuti di Lettura
Sabato 30 Luglio 2022, 17:54

URBINO - Nel corso di controlli effettuati dagli uomini del Commissraiato di Urbino nei comuni di Urbino e Fermignano, finalizzati a verificare la regolarità dei veicoli e dei documenti di circolazione, sono stati identificati due diciannovenni del posto trovati in possesso di alcuni attrezzi atti allo scasso.

L’attività degli uomini della Polizia trae spunto a seguito di segnalazioni di furti di parti di ciclomotori e motocicli, tra i quali marmitte, carburatori, filtri dell’aria avvenuti nell’ultimo periodo nel comprensorio succitato. Gli agenti venivano attratti da alcuni giovani durante un pattugliamento, infatti sono stati visti più occasioni fermi sul ciglio della strada oppure in movimento su uno scooter nelle vicinanze di altri ciclomotori parcheggiati sia nella città ducale che nella cittadina metaurense. Fermati, dichiaravano che “stavano facendo un giro in scooter” ma emergevano incongruenze che portavano i poliziotti ad identificarli e approfondire gli accertamenti. Il conducente del mezzo, infatti, viaggiava senza aver mai conseguito il patentino di guida ed il passeggero dichiarava di esserne in possesso ma di non averlo al seguito. Inoltre lo scooter era sprovvisto sia di assicurazione che di revisione, oltre a non avere l’omologazione per il trasporto del passeggero. I due giovani, infine, risultavano avere con loro dei cacciaviti e altri attrezzi, dei quali non sapevano giustificare il possesso. Pertanto agli stessi venivano contestate violazioni amministrative per un totale di circa 6mila euro in particolare per la guida senza aver mai conseguito il patentino di guida, pari da sola a euro 5.100 euro. mentre il ciclomotore veniva sottoposto a sequestro amministrativo. Ulteriori approfondimenti sono in corso, finalizzati ad accertare il motivo per il quale i due ragazzi avessero al seguito i succitati attrezzi celati all’interno del mezzo. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA