Tremendo schianto tra scooter: gravissima una donna centrata in pieno sulla sua Vespa

Lunedì 22 Giugno 2020 di Osvaldo Scatassi
Fano, tremendo schianto tra scooter: gravissima una donna centrata in pieno sulla sua Vespa

FANO - Scontro fra due scooter, ieri pomeriggio a Metaurilia sulla statale Adriatica: considerate molto serie le condizioni della sessantenne pesarese che guidava una Vespa, trasportata in eliambulanza agli Ospedali Riuniti di Torrette di Ancona a causa dei traumi riportati nell’incidente.

LEGGI ANCHE:
David, schianto choc in moto: muore a 51 anni 11 giorni dopo sua sorella

Scontro moto-auto, centauro di 63 anni muore durante il trasporto all'ospedale


L’urto è avvenuto intorno alle 16.45 all’altezza del distributore Eni, dove un gruppo di vespisti diretti verso il centro urbano di Fano aveva deciso di fermarsi per fare rifornimento. Secondo le prime ricostruzioni dell’episodio anche la pesarese sessantenne, che procedeva nella stessa direzione, si apprestava a svoltare verso sinistra, quando si è scontrata con lo scooter condotto da un fanese di 45 anni.
 
A causa dell’urto, che deve essere stato piuttosto violento, il conducente del ciclomotore è finito dentro il fossato sul lato della statale, ma le sue condizioni non sono apparse di particolare gravità. Un’ambulanza l’ha comunque trasportato al pronto soccorso dell’ospedale Santa Croce a Fano. Soccorsa da un altro equipaggio del 118 la vespista sessantenne che invece accusava le conseguenze di traumi diffusi, valutati di rilevante gravità. È stato quindi richiesto il trasporto di massima urgenza con Icaro fino all’ospedale anconetano.
Sul posto è intervenuta la polizia locale per effettuare gli accertamenti di rito sulla dinamica dell’incidente, che è in fase di accertamento, e per governare il traffico molto intenso della prima domenica davvero calda dall’allentamento delle restrizioni Covid. La strada statale è stata chiusa al traffico per tutto il tempo necessario a caricare la donna ferita a bordo dell’eliambulanza. Si sono di conseguenza formati incolonnamenti fisiologici, presentatisi anche in seguito per l’eccessiva pressione del traffi

© RIPRODUZIONE RISERVATA