Richiami elettronici ed uccelli vivi e legati per attirare i pivieri: denunciati quattro bracconieri

Martedì 3 Dicembre 2019
Fano, richiami elettronici ed uccelli vivi e legati per attirare i pivieri: denunciati quattro bracconieri

FANO - Richiami elettronici, vietatissimi, ma anche uccelli vivi tenuti legati per attirarne altri: i Carabinieri Forestali denunciano quattro bracconieri accusati anche di aver abbattuto pivieri, una specie protetta.
Una vasta operazione di contrasto al bracconaggio alle specie acquatiche, effettuata nei giorni scorsi dai Carabinieri Forestali in comune di Fano, ha  condotto alla denuncia di 4 bracconieri e al sequestro di armi, richiami elettronici e fauna protetta. Le operazioni iniziate già dalle ore notturne presso un appostamento fisso di caccia agli uccelli acquatici hanno permesso di accertare l’utilizzo continuo di richiami elettronici vietati da parte di quattro bracconieri nascosti in due capanni dello stesso appostamento di caccia, con lo scopo di attirare ed abbattere specie selvatiche protette, in particolare pivieri dorati.

LEGGI ANCHE:
Il raccoglitore abusivo di tartufi recinta anche l'area: multa a tre zeri dai Forestali

Offida: antibracconaggio, ingente sequestro di richiami acustici vietati

Accertato l’utilizzo dei dispositivi illegali i militari sono intervenuti prontamente con perquisizioni locali e domiciliari di iniziativa, rinvenendo un richiamo elettronico perfettamente funzionante occultato in un vano nascosto di uno dei due capanni, e un sacchetto contenente tre pivieri appena abbattuti occultato sotto una tavola in legno nell’area dell’appostamento. Altri 2 richiami elettronici e 11 altoparlanti sono stati rinvenuti nei veicoli in uso ai cacciatori e nelle abitazioni degli stessi, anch’esse sottoposte a perquisizione, inoltre a carico di uno di essi, residente a Fano, sono state rinvenute 728 munizioni abusivamente detenute. Ritrovate anche due allodole vive, imbracate e usate come richiamo, legate con una corda di soli 15 cm ad un dispositivo che azionato dai cacciatori le sollevava lasciandole poi ricadere ripetutamente provocandone lo svolazzamento. Anch’esse sequestrate in quanto la Corte di Cassazione ha già avuto modo di chiarire che detta pratica è considerata illegale.
Ora i quattro cacciatori denunciati alla Procura della Repubblica di Pesaro per i reati di uso di mezzi di caccia non consentiti, abbattimento di specie non cacciabili, maltrattamento animali, rischiano le pene previste dalla legge sulla caccia e dal codice penale. Uno di essi rischia anche la pena per detenzione illecita di munizioni prevista dal codice penale che prevede fino a 12 mesi di arresto. In tali casi inoltre  può essere applicata la sospensione delle licenze di caccia da parte dell’Autorità di Pubblica Sicurezza. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA