Fano, raffica di furti e rapine in villa:
alla sbarra la banda albanese di "Lupin"

Raffica di furti e rapine
in villa: alla sbarra
la banda albanese di "Lupin"
di Lorenzo Furlani
FANO - Erano come un flagello biblico, calavano dalla Romagna con auto rubate e compivano scorribande nel Pesarese e nel Fanese, fino alla provincia di Ancona, saccheggiando appartamenti e ville per rubare oro e gioielli, senza esitare a usare la violenza al fine di minacciare e intimidire i testimoni.
Di questo devono rispondere i sei albanesi (di cui solamente uno provvisto di permesso di soggiorno) accusati di associazione per delinquere finalizzata, a vario titolo, a furti, rapine e ricettazione. Si tratta di Mario Tuci, 34 anni, Ervis Dema, 25 anni, Altin Coba, 29 anni, e Lupen Allciu, 41 anni, colui che aveva cambiato il suo nome - esaltato probabilmente dal mito del ladro gentiluomo Arsenio Lupin - sbagliandone la grafia. Questi quattro, ieri, sono stati rinviati a giudizio dal giudice dell’udienza preliminare Gasparini: il processo davanti al Tribunale collegiale di Pesaro si aprirà il 21 febbraio.
 
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
Scopri la promo
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Giovedì 6 Dicembre 2018, 10:23 - Ultimo aggiornamento: 10:23