Fano, Massimo Seri sfiora il traguardo
ma sarà ballottaggio con Lucia Tarsi

Massimo Seri sfiora
il traguardo, ma sarà
ballottaggio con Lucia Tarsi
FANO - Una città politicamente bifronte, orientata a destra se guarda a Strasburgo ma votata alle pratiche del centrosinistra quando si ritrova in piazza Venti Settembre. È questo l’esito della giornata elettorale di domenica scorsa a Fano, che abbinava le elezioni europee a quelle comunali. Il sindaco uscente Massimo Seri, con la sua coalizione a cinque liste e l’ampia capacità di raccolta di consenso dei 113 candidati consiglieri, intercetta alle amministrative il voto politico espresso a favore di Salvini per l’elezione del Parlamento europeo.
Il centrodestra perde 4.000 voti
Alla fine dello spoglio il tesoretto perso dalla competitrice del centrodestra è superiore ai 4.000 voti, pari al 28%. Con il 47,42% dei consensi, Massimo Seri migliora il risultato di cinque anni fa (41,25%) e sfiora addirittura la vittoria al primo turno (a un terzo dello scrutinio era al 51%). Dunque, sarà ballottaggio il 9 giugno con Lucia Tarsi, alla testa della coalizione di centrodestra “VinceFano”. Per il sindaco uscente resta la ferita della spaccatura di Sinistra unita che ha portato il comunista Teodosio Auspici, ex amministratore di Aset Holding, a candidarsi a sindaco con La sinistra per Fano insieme a Possibile, anche se il modesto risultato (1,23%, 401 voti) non sarebbe comunque bastato a chiudere subito la partita. 
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Martedì 28 Maggio 2019, 11:33 - Ultimo aggiornamento: 28-05-2019 11:38

DIVENTA FAN DEL CORRIERE ADRIATICO