La città in lacrime per l'ex assessore Fabio Uguccioni: «Una persona buona e un vulcano di idee»

Martedì 18 Maggio 2021 di Massimo Foghetti
Fano, la città in lacrime per l'ex assessore Fabio Uguccioni: «Una persona buona e un vulcano di idee»

FANO - E’ giunta inattesa, ieri poco dopo il chiarore dell’alba, la notizia della morte di Fabio Uguccioni, di cui pochi conoscevano la gravità del suo male. A diramarla per primo è stato Gino Bartolucci, presidente della cooperativa Tre Ponti che con Fabio ha condiviso, facendo della frazione un punto di ritrovo su scala comunale e oltre, gioie e difficoltà. Soffriva di un male che non perdona. 

 

La malattia

La sua salute aveva incominciato a vacillare negli ultimi mesi del 2020, quando i sanitari gli avevano comunicato che avrebbe dovuto operarsi alla prostrata; poi è subentrata una difficoltà di respirazione e, nel mese di dicembre, la scoperta di un tumore al polmone, considerato inoperabile; da allora è seguito il calvario delle sedute di chemioterapia, purtroppo rivelatesi inefficaci, finché è bastata una polmonite all’età di 65 anni per portarselo via. Fabio Uguccioni era una persona importante, non per le cariche che aveva ricoperto (e ne aveva ricoperte di non poca responsabilità), ma per quello che era come persona portata più a dimostrarsi solidale con gli altri che con se stesso, una persona buona, un vulcano di idee, un produttore di iniziative alle quali partecipava fin con l’assumersi il compito di svolgere i lavori più umili. 
Ha amato gli anziani e le persone disabili: è stato l’ispiratore di Itaca, della don Tonucci, a lui si deve la realizzazione della Bcc Arena; ha diffuso il microcredito per le persone in difficoltà e i libretti della solidarietà, ha fornito i mezzi alle società per realizzare i loro impianti, perseguiva una visione tutta sua della economia che altri non hanno capito fino in fondo. Il sindaco Massimo Seri lo ha ricordato come “mente lucida, intelligenza critica, cuore solidale. «Fabio Uguccioni – ha detto lascia un grande vuoto nella nostra città. E nome della città lo ricordo con stima e mi stringo alla sua famiglia con affetto. Politicamente è stato un amministratore coraggioso e per certi aspetti quasi rivoluzionario ».

I ricordi

«Fano perde una persona di grande qualità e di grande capacità» ha commentato l’assessore Etienn Lucarelli. «Ha precorso i tempi nell’attuare un nuovo welfare» ha aggiunto Mauro Paolini che con lui ha fatto parte del direttivo della Fondazione Fano Solidale. Per l’amico Luciano Radici «Era di una generosità indescrivibile». Ricorda Fabio con parole commosse anche il vice presidente della Regione Mirco Carloni, seguito dal cordoglio di tanti cittadini. I suoi funerali si svolgeranno domani alle 16 nella chiesa di Santa Maria Goretti a Sant’Orso. 

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA