Un giudice fanese nella squadra che ha restituito l’Orfeo all’Italia. Ma sul Lisippo la strada è quasi impossibile

Giuditta Giardini e il giudice Mattews Bogdanos
Giuditta Giardini e il giudice Mattews Bogdanos
di Giudice
3 Minuti di Lettura
Giovedì 18 Agosto 2022, 06:40

FANO  -  Non è stata una restituzione spontanea. L’atto del Getty Museum che ha restituito all’Italia il gruppo di Orfeo e le Sirene, è stato determinato da un provvedimento di sequestro del giudice Mattews Bogdanos, assistente procuratore distrettuale di New York che dirige una unità composta da 14 persone che si occupa del traffico illecito di opere d’arte.

 Tra queste c’è anche la fanese Giuditta Giardini. Le opere restituite sono un gruppo di figure in terracotta a grandezza naturale scavato illegalmente nell’area di Taranto raffigurante Orfeo seduto fiancheggiato da due sirene, con gambe d’uccello e zampe munite d’artigli. Il pensiero corre subito al nostro Lisippo, a lungo reclamato anche in sede giudiziaria dall’Italia e non ancora restituito. «E’ da tempo – ha dichiarato Giuditta Giardini – che l’Antiquities Traffic Unit (Atu) della Procura distrettuale di Manhattan, segue l’indagine per accertare la provenienza del gruppo di Orfeo. Quanto avvenuto non è una semplice restituzione, ma un sequestro decretato nel mese di aprile scorso. Compito dell’Atu è infatti vigilare sul mercato delle opere d’arte newyorkese affinché non si riscontrino degli illeciti. In questo caso, grazie ad alcuni addentellati del percorso effettuato dal gruppo statuario in questione con la città di New York, l’indagine è rientrata nella nostra competenza. Individuato il broker in un noto personaggio italiano dedito al commercio illegale delle opere d’arte, siamo riusciti a ricostruire il percorso del gruppo dalla Puglia al Getty Museum». 


Quindi il museo per evitare il processo ha preferito cedere l’Orfeo e le Sirene all’Italia. E il Lisippo? Purtroppo se non c’è la connessione con New York il giudice Bogdanos non ha alcun titolo per intervenire ed emettere provvedimenti. E sembra che il Lisippo New York l’abbia solo sorvolata per giungere da Londra, dove era giunto dopo alcune peregrinazioni, a Los Angeles per terminare il suo viaggio a Malibù. «La questione del Lisippo è diversa – ha aggiunto Giuditta Giardini – a parte la sua competenza giuridica, è prassi per il giudice Bogdanos, nel momento in cui altri giudici, come quelli italiani si interessano del caso, di non sovrapporsi e non intervenire con un “doppio giudicato”. 

Grazie all’efficienza e alla rapidità delle indagini comunque spesso l’Italia preferisce rivolgersi all’Atu di New York piuttosto che all’Fbi che segue un sistema più macchinoso. Per quanto riguarda il Lisippo non si può far altro che aspettare l’esito del procedimento attivato per far valere in termini esecutivi la sentenza emessa dal tribunale pesarese e il pronunciamento della Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, a cui il Getty ha fatto ricorso». La mossa di Bogdanos comunque ha posto il Getty, nel restituire il gruppo dell’Orfeo all’Italia, sotto una luce diversa rispetto a quella del grande benefattore.

© RIPRODUZIONE RISERVATA